Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il legame locale-globale: le Ong in Italia e nel Regno Unito

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 Wallerstein, il capitalismo è necessariamente globale, per la sua logica interna: si tratta di un mercato dominato dalla logica della massimizzazione del profitto nel quale agiscono unità politiche differenti (gli stati nazionali) in competizione. Inoltre nel sistema mondo esiste un rapporto di sfruttamento basato su tre livelli: “spazi centrali”, “semiperiferie” e “regioni periferiche”. L’“economia mondiale” è un fenomeno tutt’altro che recente. Essa avrebbe avuto origine nel quindicesimo secolo, con la scoperta di Colombo e con la sottomissione del nuovo mondo. Ciò però non permette di determinare l’elemento storicamente nuovo della realtà transnazionale che chiamiamo “globalizzazione”; allo stesso tempo l’argomentazione di Wallerstein è monocausale: la globalizzazione viene considerata unicamente ed esclusivamente come istituzionalizzazione del mercato mondiale. Altri studiosi delle scienze politiche e sociali, come J. Rosenau, insistono sui mutamenti politici arrecati dalla globalizzazione. 8 Essi rompono con il pensiero nazional-statale, ma non pongono al posto degli stati nazionali un unico sistema mondo del mercato mondiale. Rosenau sostiene che si è giunti ad una fase di politica post- internazionale nella quale gli attori nazional-statali devono dividersi lo scenario complessivo ed il potere con organizzazioni internazionali, gruppi industriali internazionali, nonché con movimenti politici e sociali transnazionali. Da un punto di vista empirico, ciò è dimostrato dal fatto che il semplice numero delle organizzazioni internazionali, comprese quelle “non governative”, ha raggiunto un ordine di grandezza finora mai toccato. 9 Rosenau attribuisce questa realtà policentrica allo sviluppo della tecnologia informatica e della comunicazione, “una tecnologia che ha rafforzato 8 Vedi J. Rosenau, Turbulence in world politics, Princeton University Press, Princeton, 1990. 9 U. Beck, definisce l’insieme delle organizzazioni non governative: “la nuova Internazionale delle ONG”. (Beck, op. cit., p. 55).

Anteprima della Tesi di Giorgia Lamaro

Anteprima della tesi: Il legame locale-globale: le Ong in Italia e nel Regno Unito, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giorgia Lamaro Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2721 click dal 14/12/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.