Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'anatocismo bancario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 L’attuale politica perseguita dal legislatore sembra essere del tutto orientata verso la tutela del contraente più debole e diretta a compensare, attraverso lo strumento legislativo, i naturali squilibri contrattuali, determinati dalla assoluta posizione di supremazia occupata dalle banche. La controversa questione degli interessi bancari ha principalmente trovato origine nella incerta facoltà, da parte delle banche, di applicare nell’ambito dei rapporti intercorrenti con i clienti, tassi di interesse di gran lunga superiori a quelli consentiti dalla legge, oltre all’attuazione della c.d. capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi a carico del correntista. Significativo in tal senso sembra essere il revirement operato dal massimo organo giurisdizionale, che, attraverso tre storiche sentenze ( Cass. sent. n. 2374 e n. 3096, entrambe pronunciate nella primavera del 1999 e la più recente Cass. sent. n. 1281 del febbraio 2002), ha sancito la fine di un’epoca caratterizzata dall’egemonia bancaria. Queste sentenze si inseriscono in un più generale orientamento della giurisprudenza di merito e di quella di Cassazione, particolarmente evidente negli ultimi anni, teso a modificare l’assetto di regole sulle quali si fonda il costo del denaro ed a tutelare sempre più gli interessi del cliente nei confronti della banca, considerata come contraente forte. Orientamento che, del resto, ha trovato eco nei provvedimenti legislativi relativi alla trasparenza bancaria e nella nuova disciplina in materia di usura, e sembra essere espressione di profonde modifiche del costume, dei valori correnti (si pensi alla nuova cultura della tutela del consumatore, che ha indotto l’introduzione delle nuove norme codicistiche sulle clausole abusive) e del sistema economico.

Anteprima della Tesi di Marco Villa

Anteprima della tesi: L'anatocismo bancario, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Villa Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8253 click dal 11/11/2004.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.