Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'anatocismo bancario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 1.2 Il conto corrente bancario e il conto corrente ordinario La definizione di conto corrente bancario, ricavabile dall’art.1852, relativo alle operazioni bancarie in conto corrente, mette in luce le differenze con il conto corrente ordinario. Tali differenze si traducono, per ciò che concerne il conto corrente bancario, sostanzialmente nell’unilateralità delle rimesse da parte del cliente e nella completa esigibilità del saldo in qualunque momento. Sotto il profilo dell’esigibilità del saldo, dunque, il conto corrente bancario si pone in posizione opposta al conto corrente ordinario: nell’uno il saldo è esigibile in ogni momento e nell’altro la sua esigibilità è rinviata alla scadenza contrattuale convenuta. Strumento tecnico comune alle due figure contrattuali è quello della determinazione del saldo mediante la somma algebrica delle poste annotate nel conto. La funzione contabile, consistente nell’annotare in un conto poste di segno opposto e di determinare il saldo, accomuna le due figure. In merito all’applicazione, in via analogica, dello schema della compensazione al contratto di conto corrente bancario, giurisprudenza e dottrina si sono schierate in posizioni differenti 5 ; se infatti, è pacifico che nel conto corrente ordinario le poste annotate in conto si estinguano reciprocamente per compensazione, così non è stato per il conto corrente bancario. Premesso che la compensazione, disciplinata dagli art. 1241 e ss. del c.c., è un modo d’estinzione delle obbligazioni diverso dall’adempimento, che suppone imprescindibilmente l’esistenza in uno stesso patrimonio di due rapporti di credito, uno attivo ed uno passivo, sembra logico poter concludere che la determinazione del saldo nel conto corrente bancario non è, di regola, effetto di compensazione di crediti reciproci. Peculiare differenza a riguardo è, dunque,che nel conto corrente ordinario le poste annotate nel conto si estinguono reciprocamente per compensazione, 5 Per un confronto v. MARTORANO, Il conto corrente bancario, Napoli, 1955, CALTABIANO, Il conto corrente bancario, Padova, 1967

Anteprima della Tesi di Marco Villa

Anteprima della tesi: L'anatocismo bancario, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Villa Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8253 click dal 11/11/2004.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.