Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il tatuaggio: una ricerca psicometrica della personalità e della motivazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 1.2.1. In America Dalle ricerche condotte dagli antropologi e riportate da L. Fercioni in Tatuaggi la scrittura del corpo restano ancora numerose ipotesi sulla diffusione del tatuaggio in America (stesso paese dove oggi si ha la più alta concentrazione di ricerche sul fenomeno determinate dal proliferare in maniera esponenziale di tatuati). Alcuni studiosi sostengono che vi fu introdotto dai Polinesiani durante le loro migrazioni, altri invece ritengono che il popolo siberiano dei Chukchee dopo aver imparato a tatuare da una popolazione asiatica, gli Ainu, emigrata in Alaska, diffuse la pratica in tutto il Nord America. Sembra che i Maya, gli Incas e gli Aztechi e gli indiani della costa Nord del Pacifico utilizzassero già il tatuaggio nei rituali religiosi. Con l’avvento della colonizzazione del quindicesimo secolo le caratteristiche di tale usanza in parte andarono perse e modificate dalle ideologie dei conquistatori che ne apprezzarono la bellezza, ma ne tralasciarono il vero significato.(Castellani, 1995)

Anteprima della Tesi di Manila Salvatelli

Anteprima della tesi: Il tatuaggio: una ricerca psicometrica della personalità e della motivazione, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Manila Salvatelli Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 19795 click dal 12/11/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.