Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strumenti gestionali innovativi: analisi del Value Stream Mapping

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Risulta facile quindi capire come molto spesso la funzione di Pace Maker venga svolta empiricamente da Capi Reparto o Operatori che conoscendo il tempo di consegna del job in lavorazione aumentano o diminuiscono la velocità di produzione a seconda delle esigenze, delle risorse e dei guasti che si verificano. Se invece pensassimo di avvicinare il controllo della produzione alla produzione stessa vedremo come stando a contatto con i problemi quotidiani come i guasti e le penurie nelle scorte risulterebbe più facile individuare e risolvere le cause degli sprechi e dei colli di bottiglia. Ritornando alla colonna di soldati se essi stessero marciando non per allenamento ma per spostarsi da una caserma all’altra in tempo di guerra risulta chiaro quanto la perfezione del trasferimento stesso importi poco infatti se all’arrivo non trovassero la struttura pronta per il loro accasermamento oppure fossero in ritardo le scorte di viveri e munizioni dovrebbero stare fermi ed inattivi fino alla risoluzione di questi contrattempi. Osservando allora il processo produttivo nella sua interezza si potrà riuscire a capire quali e dove siano insite le cause degli sprechi e del non raggiungimento di obbiettivi produttivi; solo così la nostra analisi sarà formalmente corretta continuando infatti a ragionare per reparti le soluzioni risulteranno essere solo di breve periodo lasciando all’interno del sistema le vere ragioni di un funzionamento discontinuo e con molti sprechi di risorse e di procedure. Si parla spesso di Value Chain (catena del valore) quale metodo per ottimizzare logisticamente la produzione ma proviamo per un attimo a focalizzare la nostra attenzione su chi sarà il fruitore del lavoro svolto a livello di Shop Floor (livello produttivo ) e cioè il cliente. Il Cliente esborsa una cifra di denaro e quindi capitale per ciò che viene prodotto, sia articolo finito sia semilavorato, e ne ha bisogno nel momento in cui lui decide. Partendo da questa semplice riflessione ripercorriamo a ritroso tutto il percorso fisico del prodotto dalla spedizione finale , all’ispezione fino ad arrivare alle spedizioni di materia prima da parte del nostro fornitore. Esattamente il materiale da grezzo o semilavorato attraverso dei processi produttivi scorre lungo lo Shop Floor (Livello Produttivo) fino ad arrivare al

Anteprima della Tesi di Federico Dotti

Anteprima della tesi: Strumenti gestionali innovativi: analisi del Value Stream Mapping, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Federico Dotti Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4548 click dal 12/11/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.