Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impresa familiare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 tale limite, della regolamentazione consuetudinaria – alla comunione tacita familiare è estesa la disciplina dell’impresa familiare 13 . Pertanto non può dirsi che la comunione tacita familiare sia stata soppiantata dall’impresa familiare 14 perché c’è comunque un sicuro elemento differenziale (formale e non sostanziale) rappresentato dalla disciplina dell’istituto che nel caso della comunione tacita familiare è consuetudinaria ( con il limite del divieto di contrasto con l’art. 230-bis c. c.), mentre nel caso dell’impresa familiare è di fonte legale (art. 230-bis cit.) o negoziale (nei limiti in cui la regolamentazione dettata dall’art. 230-bis c. c. può essere integrata dall’autonomia privata o derogata in melius). Nello sforzo di individuare il preciso legame che intercorre tra i due istituti, una parte della dottrina ha cercato di metterne in luce gli elementi di differenza. Si è osservato come le difficoltà di interpretazione dell’ultimo comma dell’art. 230-bis derivino principalmente dalla diversa logica ad essi sottesa: nella comunione tacita familiare prevarrebbe infatti la logica della proprietà, nell’impresa familiare quella dell’impresa. 13 Però l’assoggettamento della comunione tacita familiare nell’esercizio dell’agricoltura alla disciplina dell’impresa familiare ed agli usi con essa compatibili, non ha , in mancanza di espressa previsione efficacia retroattiva, e non trova pertanto applicazione con riguardo ai rapporti di collaborazione familiare nell’ambito dell’agricoltura svoltasi in epoca anteriore all’entrata in vigore dell’art 2340-bis c. c., con la conseguenza che tali rapporti ricadono nella disciplina dell’abrogato art 2140 c. c., il quale li sottoponeva integralmente alla regolamentazione fissata degli usi locali (Cass. II, 21 ottobre 1992, n. 11500; cfr. Cass. III, 23 ottobre 1985, n. 5195). 14 Secondo BALESTRA, L’impresa familiare, cit., 45, la comunione tacita familiare è riconducibile all’impresa familiare in rapporto di species ad genus. In giurisprudenza si è affermato che la comunione tacita familiare costituisce una sottospecie dell’impresa familiare (Trib. Parma 2 marzo 1981, in Giur. merito, 1981, 1192).

Anteprima della Tesi di Raffaele Crescente

Anteprima della tesi: L'impresa familiare, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Raffaele Crescente Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8175 click dal 12/11/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.