Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il controllo strategico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 L’organizzazione si occupa (secondo il significato anglosassone) dei rapporti fra i membri dell’impresa e, prima ancora, del raggruppamento delle attività in centri operativi. La rilevazione si identifica con la nozione di “controllo”, come già sosteneva il Besta ed ha, come abbiamo visto, il compito di verificare se l’impresa ha raggiunto gli obiettivi prefissati. I due processi suddetti, per dirla con il Santesso, “si occupano della costituzione dei presupposti necessari per svolgere la gestione”. 6 L’attività di governo dell’impresa si svolge a vari livelli organizzativi ed è quindi diffusa nelle strutture aziendali; in questo senso il “controllo di gestione” si colloca nell’ambito delle attività decisionali, in quanto è l’insieme delle azioni responsabili o, in una parola, dei compiti e si colloca ai vari livelli organizzativi. In sostanza il controllo di gestione è “una funzione esercitata a vari livelli direttivi”, come afferma la Marchini in un suo saggio 7 . Tale funzione si esercita attraverso un metodico confronto tra gli obiettivi prefissati ed i risultati raggiunti, evidenziando gli scostamenti che, in quanto tali, dovranno suggerire apposite azioni correttive. Lo strumento che poi viene utilizzato per esercitare tale confronto è la “contabilità direzionale”, che permette sia una raccolta sistematica dei dati da inviare all’alta direzione, sia una loro continua osservazione e interpretazione. Possiamo allora configurare “il controllo di gestione” come “un processo dinamico che si diffonde nell’intera unità produttiva e che, avvalendosi della contabilità direzionale, mediante un continuo e metodico confronto tra ciò che è stato previsto e ciò che in realtà avviene, permette ai detentori del governo aziendale di assicurare alla stessa 6 Cfr. E. Santesso - P. Ferrarese: opera già citata in nota 3). 7 Cfr. I. Marchini: Dispense sui sistemi manageriali. Anno Accademico 1986/1987

Anteprima della Tesi di Giuseppe Brocchini

Anteprima della tesi: Il controllo strategico, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giuseppe Brocchini Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14133 click dal 12/11/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.