Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo nella storia dell'intervento straordinario per il Mezzogiorno (1946-1960)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Se l’impulso alle esportazioni mise in moto il circolo virtuoso del miracolo economico, lo stesso impulso mise in moto un circolo vizioso di squilibri tra cui la forte emigrazione, interna e all’estero, ed il mancato sviluppo del Mezzogiorno 44 . Il problema dell’arretratezza economica del Mezzogiorno si presentò in tutta la sua gravità fin dai primi anni dell’Unità, ma divenne una componente rilevante della realtà economica e politica del Paese, solo alla fine dell’Ottocento 45 . Il dislivello economico si andò accentuando nel corso del tempo a causa di una politica che favorì il Nord a discapito del Sud 46 , indirizzando le risorse pubbliche verso le zone più progredite 47 . Alla questione meridionale non venne lasciato spazio nemmeno nella fase della ricostruzione 48 ; in tutti i primi anni del dopoguerra il dibattito sui 44 A. Graziani, Lo sviluppo cit., pp. 63, 71. 45 La crisi agraria del 1879/80, l’esplosione del fenomeno del brigantaggio e le inchieste condotte da un folto gruppo di studiosi sulle condizioni della realtà meridionale contribuiscono alla formazione del pensiero meridionalista e alla nascita della “questione meridionale”; la grande frattura tra Nord e Sud “…ha avuto luogo, quindi tra il 1850 e il 1900.”, cfr. A. Molinari, Il Mezzogiorno d’Italia, in “Moneta e Credito”, 1948, n. 4, pp. 476- 500, ora ripubblicato in V. N. Zamagni- M. Sanfilippo (a cura di), Nuovo meridionalismo e intervento straordinario. La Svimez dal 1946 al 1950, Il Mulino, Bologna, 1988, pp. 59-115. La sterminata letteratura sull’argomento impone, in questa sede, un breve richiamo a quelli che furono i testi di denuncia del ritardo economico del meridione, a cui seguirono le analisi successive e l’inizio di un dibattito storiografico ancora aperto; a titolo di esempio si veda: L. Franchetti- S. Sonnino, La Sicilia nel 1876, condizioni politiche e amministrative, vol. II, Vallecchi, Firenze, 1925, pp. 212 sgg.; F.S. Nitti, Nord e Sud, Scritti sulla questione meridionale, vol. II, Edizione nazionale delle opere di Francesco Saverio Nitti, Laterza, Bari, 1958; U. Zanotti-Bianco, Meridione e meridionalisti, Ed. Collezione Meridionale, Roma, 1964, pp. 5-19; F. Vöchting, La questione meridionale, Istituto editoriale del Mezzogiorno, Napoli, 1955. Sulla questione meridionale nel periodo 1880-1920, cfr. G. Fortunato, Il Mezzogiorno e lo Stato Italiano, con introduzione di M. Rossi Doria, Vallecchi, Firenza, 1973; P. Villari, Le lettere meridionali ed altri scritti sulla questione sociale in Italia, in L. Chiti (a cura di), Id., Loescher, Torino, 1971. 46 F. S.Nitti, Nord e Sud cit., pp. 32 sgg. Per il ruolo strategico svolto dalle politiche pubbliche nella prima metà del Novecento nel sostenere e rafforzare il sistema economico si vedano S. Cassese, Questione amministrativa e questione meridionale, Giuffrè, Milano, 1977; G. Melis, Storia dell’amministrazione italiana (1861-1993), Il Mulino, Bologna, 1996; A. Del Monte – A. Giannola, Il Mezzogiorno cit., pp. 57-68. 47 Sulla crescita del divario tra le due guerre e, ancor di più, al termine della seconda guerra mondiale e sulle circostanze particolarmente sfavorevoli alla crescita industriale del Sud si veda G. Cenzato, Sul problema industriale del Mezzogiorno, in V.N. Zamagni- M. Sanfilippo (a cura di), Nuovo meridionalismo cit., pp. 117 sgg. 48 Il dibattito storiografico e la relativa bibliografia sulla questione meridionale, dal vecchio al nuovo meridionalismo, viene esaurientemente riportato da A. M. Rao, Mezzogiorno e rivoluzione: trent’anni di storiografia, in “Studi Storici”, 1996, n. 4, pp. 981-1041. Un’indagine sistematica su questo argomento, a partire dall’ultimo conflitto, viene anche svolta in M. Cifarelli, N. Colajanni, T. Morlino, P. Saraceno e C. Signorile, Rodolfo Morandi e la questione meridionale, collana Svimez, Giuffrè, Roma, 1976, pp. 39 sgg.

Anteprima della Tesi di Anna Muraca

Anteprima della tesi: La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo nella storia dell'intervento straordinario per il Mezzogiorno (1946-1960), Pagina 14

Tesi di Dottorato

Dipartimento: economia

Autore: Anna Muraca Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2934 click dal 15/11/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.