Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le crisi bancarie. Strumenti di analisi, previsione e gestione.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo Primo 16 Accenniamo sinteticamente alle spiegazioni delle crisi bancarie proposte più spesso dagli economisti. Si hanno due filoni principali: la Credit View e la Scuola Monetarista. La prima individua la determinante delle crisi bancarie nella rigidità della domanda di credito o addirittura nella sua correlazione positiva rispetto ai tassi di interesse. Secondo questa scuola di pensiero, a provocare l’inversione del ciclo economico e poi le crisi bancarie è dunque il razionamento del credito, intendendo con questo l’eccesso di domanda di credito (rigida) rispetto all’offerta al prezzo corrente. Per i Monetaristi invece la crisi origina perché le banche, durante una stretta creditizia da parte della banca centrale, nei momenti di necessità sono costrette a rinunciare ad attività remunerative per mantenere le riserve di liquidità. In tal modo, oltre all’aumento dei tassi d’interesse, viene compromessa sia la capacità reddituale sia la solvibilità del settore bancario 32 . In effetti certe misure di politica monetaria hanno un impatto diretto sugli intermediari bancari ed indiretto sui loro affidati, in modo da poter mettere in difficoltà l’industria del credito. Si deve però concludere osservando che gli andamenti negativi dei fondamentali dell’economia avranno un maggiore impatto negativo sulle banche scarsamente diversificate, sia in termini di portafoglio titoli sia in termini di portafoglio crediti. Decisamente più vulnerabili sono gli istituti i cui risultati sono legati eccessivamente all’andamento di un particolare settore economico, all’economia di una certa area geografica, alle oscillazioni di mercato di uno specifico strumento o prodotto finanziario. Mercato. Il mercato può diventare una minaccia per gli equilibri aziendali della banca. Soprattutto se ci sono difficoltà a rimanere competitivi in presenza di una concorrenza aggressiva. 32 Cfr. Tarantola Ronchi (1996), op. cit., pag. 198.

Anteprima della Tesi di Armando Ceccaroni

Anteprima della tesi: Le crisi bancarie. Strumenti di analisi, previsione e gestione., Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Armando Ceccaroni Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6355 click dal 07/02/2005.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.