Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le crisi bancarie. Strumenti di analisi, previsione e gestione.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Le crisi bancarie 9 L’esigenza di tutela del pubblico risparmio non rende applicabile alle banche la teoria del fallimento degli operatori come meccanismo di selezione verso maggiori livelli di efficienza del sistema 5 . Permettendo il fallimento delle banche, le negative conseguenze sulla capacità di raccolta avrebbero effetti deleteri sull’intero sistema economico. Per questo un principio applicato in tutti i paesi, anche quelli ad economia tradizionalmente più liberista, è che tale “specialità” della banca imponga una particolare vigilanza, trasparenza e controllo dell’attività creditizia. Nelle trasformazioni in corso nei sistemi bancari sono stati rilevanti gli effetti della liberalizzazione normativa, della maggiore turbolenza dei mercati a seguito della globalizzazione, dei nuovi profili di rischio conseguenti ai mutamenti del core business tradizionale. La disintermediazione, infatti, ha ridotto la capacità della funzione tradizionale del business bancario 6 di fornire sufficiente valore aggiunto. E’ diventato indispensabile ampliare e sviluppare la funzione dei servizi, per non perdere ulteriori quote di mercato e compensare l’erosione del margine d’interesse. Quest’evoluzione ha portato, a livello operativo, una nuova articolazione e complessità dei rischi d’intermediazione 7 che la banca ha dovuto affrontare. Inoltre, si deve ricordare che il sistema bancario nostrano, giustamente definito in passato la “foresta pietrificata” 8 , sta scontando le conseguenze del lungo letargo avallato dalla precedente gestione di tipo amministrativo-dirigista del settore del credito. Oggi l’industria del credito si trova in un contesto competitivo più dinamico, con maggiori interdipendenze dei mercati e maggiore volatilità 9 . Contestualmente, una bassa qualità delle operazioni attive e l’aumento delle 5 Il risparmio è un valore sociale riconosciuto e tutelato dalla Costituzione (art. 47). La banca in crisi dovrebbe essere lasciata fallire solo a condizione che le perdite non si estendano ai depositanti. 6 La funzione tradizionale è quella di trasferire fondi dai soggetti in surplus ai soggetti in deficit, definita anche funzione di “trasferimento dei saldi finanziari”, cfr. Colombini (2001), pag. 9 e pagg. 51- 52. 7 Cfr. Revell (1993), pag. 31. 8 Cfr. Patalano (1998), pag. 83. 9 Cfr. Anderloni (1999), pag. 13.

Anteprima della Tesi di Armando Ceccaroni

Anteprima della tesi: Le crisi bancarie. Strumenti di analisi, previsione e gestione., Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Armando Ceccaroni Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6353 click dal 07/02/2005.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.