Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilità sociale degli istituti di credito

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 che da solo il mercato non garantisce l’equa distribuzione, l’ottimo paretiano dove nessuno può migliorare la propria condizione se non viene peggiorata la condizione di un altro soggetto. L’impianto keynesiano propone un intervento esterno, la spesa pubblica effettuata attraverso il prelievo fiscale equo. Si fa strada un modello di redi- stribuzione della ricchezza dall’alto che poi sfocierà ai nostri giorni nella contratta- zione sindacale. Il sistema capitalistico è un modo di produzione criticato per la cattiva distribuzione delle risorse che genera e come diceva Engels “il modo di produzione capitalistico va bene e può continuare ad esistere ma il modo di distribuzione deve sparire”. 3 Un altro aspetto del capitalismo è il profitto. L’economista che più di tutti ha criticato il sistema capitalistico è stato Marx: il si- stema capitalistico sfrutta i lavoratori e si appropria del pluslavoro che si traduce in plusvalore, il profitto di cui si appropria il capitalista. 4 Gli economisti sono tutti d’accordo nell’affermare che il profitto è il fine del capitali- smo. Come affermava Keynes “il motore dell’impresa è il profitto, non la parsimonia” quindi si devono cercare le giustificazioni di esso sul piano morale. Il profitto viene giustificato come l’assolvimento del contratto morale con gli investi- tori che si aspettano una gestione efficiente e conseguire un rendimento da quell’investimento. 3 Antidühring II. 1, III 4. 4 Il capitalista paga un monte salari per acquisire forza lavorativa che userà per tutto il tempo che gli è necessario. Il salariato lavorerà sia per il tempo necessario a riprodursi come operaio e per un tempo non coperto dal salario che poi sarà definito pluslavoro. Questo poi determinerà il profitto: le merci in- corporano il valore dell’operaio che le ha lavorate e se questo non è stato pagato per un certo ammon- tare, il capitalista ne guadagnerà.

Anteprima della Tesi di Sabrina Maio

Anteprima della tesi: La responsabilità sociale degli istituti di credito, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Sabrina Maio Contatta »

Composta da 261 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4175 click dal 17/11/2004.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.