Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I rapporti tra il P.C.I. e la C.G.I.L. dalla crisi del 1955 alla svolta degli anni '60

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 Richiami ideologici, pressioni dall’esterno, sviluppi della situazione internazionale, che in poco tempo si era evoluta in direzione di una forte chiusura in blocchi tra paesi posti sotto l’influenza degli Stati Uniti e paesi posti sotto il controllo dell’Unione Sovietica, è in questo difficile periodo di transizione che fu introdotta la nozione di “cinghia di trasmissione” 3 , formula che identificò le relazioni tra CGIL e PCI e che avrebbe accompagnato i rapporti tra partito e sindacato fino all’VIII Congresso del Partito Comunista Italiano. Lo stesso Di Vittorio si rendeva conto del pericolo corso dalla Confederazione unitaria. Era fin troppo semplice che il sindacato conducesse la propria azione sulla base delle correnti presenti al suo interno ed egli propugnava, fin dai primi passi del nuovo sindacato, la necessità per la CGIL di perseguire una propria linea politica. Non era, infatti, tenendo lontana la CGIL dalla politica che sarebbe stato possibile rendere il sindacato indipendente dai partiti. Tale posizione fu ribadita dallo stesso Di Vittorio in un’intervista apparsa su “L’Unità” del 2 luglio 1944: “E’ bene chiarire, quindi, che i sindacati sono e debbano essere effettivamente indipendenti da tutti i partiti politici; che tutti gli operai di qualsiasi opinione e fede religiosa hanno il diritto – e noi aggiungiamo il dovere – di iscriversi al sindacato anche se non intendano iscriversi a nessuno dei partiti antifascisti; che da quando un sindacato si costituisce regolarmente e convoca l’assemblea, questa è sovrana e quindi deve procedere all’elezione democratica della sua direzione nella quale risulteranno così 3 Il termine, introdotto da Lenin con il significato di strumento rivoluzionario e temporaneo, acquisì una connotazione negativa. Con il passare del tempo questa espressione fu impiegata per indicare la situazione in cui il partito prendeva tutte le decisioni al posto del sindacato o per mettere in risalto la matrice politica delle concezioni sindacali.

Anteprima della Tesi di Ilaria Casaglieri

Anteprima della tesi: I rapporti tra il P.C.I. e la C.G.I.L. dalla crisi del 1955 alla svolta degli anni '60, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Ilaria Casaglieri Contatta »

Composta da 245 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1785 click dal 16/11/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.