Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

In the shadow of no towers. Art Spiegelman disegna l'11 Settembre

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

__________________________________ Art Spiegelman disegna l’11 Settembre 5 1 IL FUMETTO NEGLI STATI UNITI 1.1 Perché gli old comics? E’ necessario fare una breve panoramica delle origini del fumetto 1 negli Stati Uniti poiché è dai vecchi old comics che Art Spiegelman trae ispirazione per la sua opera In the Shadow of No Towers. In particolare tratteremo solo i fumetti a cui Spiegelman fa riferimento nel Comic Supplement scritto da lui stesso in appendice all’opera. Durante i giorni che seguirono l’11 settembre molte persone cercarono di trovare sollievo nella lettura di poesie, Spiegelman, invece, racconta di aver trovato sollievo nel leggere i vecchi fumetti: The only cultural artifacts that could get past my defenses to flood my eyes and brain with something other than images of burning towers were old comic strips; vital, unpretentious ephemera from the optimistic dawn of the 20 th century. That they were made with so much skill and verve but never intended to last past the day they appeared in the newspaper gave them poignancy; they were just right for an end-of-the-world moment. (Spiegelman, 2004a:comic supplement) I fumetti d’inizio secolo esprimevano ottimismo per la nuova era che si apriva, la Tavola I in appendice (Spiegelman, 2004b) esprime proprio questo: la gloriosa partenza dei Kids nella tinozza di famiglia che ha come sfondo una New York festosa e piena di speranza. Spiegelman sembra suggerirci il contrasto: il XXI secolo non si apre con lo stesso ottimismo, ma c’è anche un altro contrasto tra effimero e duraturo di cui parleremo nel capitoletto dedicato al ruolo degli old comics (3.2.4.2). 1 Non è possibile ripercorrere l’intera storia del fumetto americano in questa breve trattazione. Per una storia completa del fumetto si rimanda a Sabin (2001), mentre per una trattazione approfondita del linguaggio del fumetto si rimanda ad Eco (1964).

Anteprima della Tesi di Ylenia Bellantoni

Anteprima della tesi: In the shadow of no towers. Art Spiegelman disegna l'11 Settembre, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scuola sup. di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori

Autore: Ylenia Bellantoni Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2094 click dal 16/11/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.