Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Verso un'Italia federale. Dalla Riforma del Titolo V al disegno di legge sulla devoluzione.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 appunto pone un limite al diritto dei pubblici poteri ad intervenire nella soluzione di problemi collettivi. D’altronde si spiega come il Centrosinistra e Rifondazione Comunista, maggiormente fiduciose nell’intervento pubblico, abbiano spinto per formulazioni più deboli della sussidiarietà sociale o abbiano cercato di togliere il problema dall’agenda. c) Da parte di regioni, province e comuni, la volontà di accentrare più poteri nelle proprie mani, in competizione sia tra loro che con lo Stato, in questa fase comunque costretto a cederne perché considerato inadatto alla soluzione di certi problemi e perché messo in discussione dal risveglio delle identità locali in Italia come in tutta Europa. Al primo Governo Berlusconi seguirono, causa la rottura dell’alleanza Polo-Lega, il Governo tecnico Dini, le elezioni politiche del 1996 vinte dall’Ulivo e i governi Prodi (1996-98), D’Alema (1998-2000) e Amato (2000-2001). Le elezioni politiche del 2001, come è noto, hanno visto il successo della rinnovata alleanza Polo-Lega nella Casa delle Libertà e il ritorno al Governo del leader di FI Berlusconi. Nella tabella 1 sono passate in rassegna le tappe fondamentali compiute dal 1971 ad oggi sulla via, impervia e a tratti non ben delineata, del mutamento istituzionale e costituzionale. Nel complesso fino al 2001 tutti i tentativi esperiti avevano raggiunto risultati assai modesti in rapporto al tempo trascorso e al lavoro di elaborazione svolto dai vari promotori di riforme. Ogni volta la necessità di maggioranze ampie, le contingenze della politica, le elezioni anticipate, gli stessi contrasti sul merito delle riforme da attuare, nonché i timori che esse andassero a vantaggio degli avversari politici, avevano travolto il processo riformatore a metà del cammino. Erano state possibili soltanto riforme di singoli articoli della Costituzione oppure di leggi ordinarie, spesso con inerzia nell’attuazione ed effetti innovativi molto limitati. In particolare dopo la costituzione del Governo D’Alema (1998) era ancora sentita nella classe politica la delusione per il fallimento della Commissione Bicamerale da lui stesso presieduta, tanto da indurre lo stesso Presidente del Consiglio a intervenire direttamente presentando un progetto di legge governativo di riforma del Titolo V della Costituzione (marzo 1999) che riprendeva le conclusioni della Commissione

Anteprima della Tesi di Paolo Misiani

Anteprima della tesi: Verso un'Italia federale. Dalla Riforma del Titolo V al disegno di legge sulla devoluzione., Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Paolo Misiani Contatta »

Composta da 230 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9128 click dal 15/11/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.