Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il gioco del calcio come fenomeno sociale tra rappresentazione e realtà

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 prodotto finale dell’attività altrui, sia gli altrui sentimenti nei suoi confronti. Tutti questi dati sono raramente a disposizione; in loro mancanza, l’individuo tende a impiegare sostituti – spunti, prove, accenni, gesti espressivi, simboli di status, ecc. - come mezzi di previsione >>. 9 Dal punto di vista del soggetto nei confronti degli osservatori: << L’individuo potrà desiderare la loro stima, o potrà voler far credere di averne nei loro riguardi: potrà sinceramente desiderare che essi avvertano i suoi sentimenti nei loro confronti, o addirittura potrà non volere che riportino un’impressione definita su di lui. Può darsi che l’individuo desideri assicurarsi quel tanto di armonia che renda possibile l’interazione, o può invece darsi che voglia imbrogliarli, allontanarli, confonderli, ingannarli, opporsi ad essi o insultarli >>. 10 Goffman rinforza le asserzioni precedenti affermando che: << Quando un individuo compare di fronte ad altri, le sue azioni influenzano la definizione che questi danno della situazione. A volte l’individuo agirà in modo del tutto calcolato, esprimendosi in una determinata maniera solo per dare agli altri il tipo d’impressione che ha la probabilità di sollecitare in loro la particolare reazione che egli ha interesse di ottenere. Altre volte egli agirà per calcolo, pur non essendone che relativamente consapevole, altre volte ancora si esprimerà intenzionalmente e coscientemente in un determinato modo soprattutto perché la tradizione del suo gruppo, o il suo status sociale lo richiedono, e non per ottenere una particolare reazione (a parte una vaga accettazione o approvazione) >>. 11 Come nota Giglioli la sua teoria sociale si sofferma più del dovuto sull’episodico e sul marginale, considerando prevalentemente solo quella parte non istituzionalizzata della vita urbana, dove gli individui, relativamente indipendenti da costrizioni strutturali, possono abbandonarsi liberamente al gioco 9 Cfr. Goffman, La vita quotidiana come rappresentazione, op. cit., pag. 285. 10 Cfr. Goffman, La vita quotidiana come rappresentazione, op. cit., pp. 13-14. 11 Goffman, La vita quotidiana come rappresentazione, op. cit., pag 16.

Anteprima della Tesi di Davide Quaglio Cotti

Anteprima della tesi: Il gioco del calcio come fenomeno sociale tra rappresentazione e realtà, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Davide Quaglio Cotti Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8075 click dal 17/11/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.