Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cinema: specchio della società. La guerra civile nei film libanesi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 A causa della fragilità di questo compromesso gli avvenimenti precipitarono nel 1958: il 9 maggio di quell’anno scoppiò una rivolta ispirata dai drusi di Kamāl JumbulāÓ 6 e dai loro alleati sunniti. Con l’aiuto di alcune potenze arabe, queste “sinistre” 7 ispirate dell’unificazione di Egitto e Siria premettero affinché il Libano diventasse parte di una “nuova” Repubblica Araba Unita. L’allora Presidente Sham‘ūn 8 , cristiano e filo occidentale, richiese formalmente l’intervento degli Stati Uniti i quali, accorgendosi che il generale dell’esercito libanese aveva disobbedito all’ordine di Sham‘ūn di mandare i suoi uomini contro i ribelli e temendo di conseguenza una possibile affermazione vittoriosa delle sinistre, inviarono un corpo di spedizione di marines 9 a difesa dell’autorità libanese. Questa rivolta, che aveva messo di fronte i partigiani e gli oppositori della Repubblica Araba Unita, era il primo sintomo evidente del malcontento che aleggiava tra le diverse comunità, stanche di un compromesso che negava le loro identità. “Il Libano era tutto, fuorché un Paese” 10 . Paradossalmente né cristiani, né musulmani avevano mai mostrato una profonda conoscenza circa un’identità comune. Non l’avevano fatto nel 1920, quando il Paese aveva preso forma sotto mandato francese, ed era stato accolto in modo entusiasta dai cristiani mentre era 6 Membro di un’importante famiglia della feudalità drusa, filosofo e letterato, fu il fondatore del Partito Socialista Progressista. A questo titolo prese la testa dell’opposizione contro Sham‘ūn, allora Presidente del Libano, nel 1958 e si impegnò nella guerra civile del 1975. Dopo il suo assassinio il figlio Walīd gli succederà nella più pura tradizione feudale. 7 Nell’ambito della politica libanese, la “sinistra” ha sempre sostenuto l’ideale di una sola nazione araba unita e ha sempre combattuto per la causa palestinese, mentre la “destra” rappresenta la volontà di un’apertura verso l’occidente. Per questo motivo la “sinistra” viene solitamente accomunata ai musulmani mentre la “destra” ai cristiani. 8 Eletto Presidente nel 1952, dopo il colpo di stato militare che aveva coinvolto il primo Presidente della Repubblica Libanese B. al Khūrī e i capi dell’opposizione, promosse varie riforme amministrative e un riordinamento costituzionale, tentando di spezzare con la nuova legge il predominio politico dei grossi proprietari feudali che sostenevano il vecchi regime. In questo modo, in sostanza, scelse il legame con l’occidente anziché il panarabismo. 9 Vennero mandati circa 5000 marines a difesa dell’autorità libanese. Lo scontro fu cruento: si contarono quasi 4000 vittime. 10 Salibi K., op. cit., pag. 2.

Anteprima della Tesi di Chiara Cazzaniga

Anteprima della tesi: Cinema: specchio della società. La guerra civile nei film libanesi, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Chiara Cazzaniga Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3548 click dal 17/11/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.