Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le misure di prevenzione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

rischio”, per il rilevamento di segnali di infiltrazione della criminalità di tipo mafioso; - accertamenti economici, di primo momento, per raccogliere dati ed elementi relativi alle attività economiche facenti capo alle persone o ai gruppi individuati; - avvio di mirate indagini patrimoniali sulla scorta degli elementi raccolti e della analisi eseguita. La metodologia operativa delle FF.PP. nelle indagini patrimoniali, finalizzata come già detto all’individuazione e successiva neutralizzazione dei patrimoni mafiosi, prevede: - accertamenti patrimoniali finalizzati ad acquisire informazioni sulla titolarità dei cespiti immobiliari e mobiliari, presso i seguenti uffici: • Agenzie del Territorio; • Comuni ; • A.C.I., • Capitanerie di porto; • Pubblico Registro Automobilistico; • Conservatorie dei Registri Immobiliari; • Agenzie delle Entrate ; • Enel; • Telecom Italia ed altri gestori di telefonia ; • Motorizzazione Civile; • U.N.I.R.E.; - Camere di Commercio; • Ministero dei Trasporti; • INPS o INPDAP; • Comandi Arma Carabinieri competenti per località sedi di case da gioco; - accertamenti finanziari, finalizzati ad acquisire informazioni circa la titolarità di rapporti intrattenuti nell’alveo del circuito creditizio/finanziario : • Istituti di credito;

Anteprima della Tesi di Luigi Di Puorto

Anteprima della tesi: Le misure di prevenzione, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Luigi Di Puorto Contatta »

Composta da 195 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18130 click dal 18/11/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.