Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le misure di prevenzione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

di 10 anni fa ad avere i risarcimenti, ma è pur vero che una prospettiva del genere può comportare il rischio che siano gli stessi mafiosi o loro prestanome a ricomprarli, vanificando così le intenzioni del Legislatore. Proposte di modifica normativa Le misure di prevenzione, come già detto, costituiscono strumento privilegiato e momento fondamentale per l’aggressione alle organizzazioni criminali ed ai loro patrimoni, suscettibili di impieghi contra legem, ma anche di utilizzo nei sistemi finanziari con evidenti effetti distorsivi - concorrenza sleale, acquisizione di beni e società al di fuori delle regole del mercato, ecc.. L’azione quotidiana di contrasto ha trovato alcuni limiti oltre che per gli ostacoli di natura tecnica che le organizzazioni criminali pongono alle attività investigative e repressive anche per alcune lacune legislative ed interpretazioni normative talvolta eccessivamente restrittive. Le proposte, che in questa sede si intendono presentare a compendio di una decennale esperienza nel settore, possono così indicarsi : - emanazione di un Testo Unico in materia. Nell’arco dell’ultimo ventennio la possibilità di aggredire i patrimoni illecitamente costituiti si è estesa man mano dai soggetti a cui sono ascrivibili le fattispecie di cui all’art. 416 bis c.p. (associazione per delinquere di stampo mafioso) e quella di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti e, poi, ai soggetti indicati ai n. 1 e 2 del I comma dell’art.1 della legge n.1423/56 (coloro che debba ritenersi siano abitualmente dediti a traffici delittuosi e coloro che debba ritenersi vivano abitualmente, anche in parte, coi proventi di attività delittuose), fino ad arrivare a coloro per i quali sono configurabili i reati previsti dagli art. 629 (estorsione), 630 (sequestro di persona a scopo di estorsione), 644 (usura), 648 bis (riciclaggio), 648 ter (impiego di denaro, beni o utilità di provenienza

Anteprima della Tesi di Luigi Di Puorto

Anteprima della tesi: Le misure di prevenzione, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Luigi Di Puorto Contatta »

Composta da 195 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18130 click dal 18/11/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.