Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le misure di prevenzione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

E’ quindi di fondamentale importanza, nel futuro scenario dell’antimafia, poter colpire ed incidere su patrimoni illeciti a prescindere dalla personalità dei loro detentori; - estensibilità delle misure patrimoniali agli eredi. Occorre ammettere l’applicabilità delle misure patrimoniali agli eredi, in caso di decesso dell’originario intestatario dei beni, sia perché permane l’illecita costituzione del cespite ab origine sia per gli effetti distorsivi nel circuito economico legale; - estensione dei poteri attribuiti al Direttore della DIA. Si propone di attribuire al Direttore della DIA il potere propositivo nei confronti di quei soggetti cui viene contestata l’aggravante di cui all’art.7 del D.L. 152/91, convertito nella Legge 203/91, ossia per l’essersi avvalsi delle condizioni previste dall’art.416 bis c.p. ovvero per aver favorito l’attività delle associazioni previste dallo stesso articolo (416 bis c.p.). Ciò potrebbe costituire un ulteriore strumento finalizzato a contrastare il fenomeno mafioso, potendo incidere anche nella fascia dei cosiddetti fiancheggiatori, da sempre nell’orbita delle organizzazioni mafiose; - modifica legislativa dell’art.10 della legge 575/65 nel senso di una espressa estensione degli effetti della decadenza da licenze, autorizzazioni, ecc. anche nei confronti dei congiunti dell’indiziato di mafia; - Un diverso trattamento sanzionatorio e la previsione di limiti edittali anche per la pena pecuniaria in caso di violazione della normativa in tema di appalti, subappalti e cottimi non autorizzati. - sensibilizzazione in ambito U.E. in ordine alle problematiche in questione, evidenziando l’esigenza di un’armonizzazione anche con la raccomandazione prevista dal Protocollo aggiuntivo e dalla Decisione del Consiglio del 28/05/2001 in relazione alla creazione di una rete europea di prevenzione della criminalità.

Anteprima della Tesi di Luigi Di Puorto

Anteprima della tesi: Le misure di prevenzione, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Luigi Di Puorto Contatta »

Composta da 195 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18130 click dal 18/11/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.