Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le misure di prevenzione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

o vive, anche in parte, con i proventi di questa. Le Misure patrimoniali nel procedimento di prevenzione. Unitamente alla risposta sul territorio al crimine organizzato, le misure di prevenzione patrimoniali costituiscono lo strumento più importante dell’azione di contrasto delle Forze di Polizia in quanto incidono sulle ricchezze dei boss, ne debilitano la capacità di gestire affari e depauperano la disponibilità dei clan, ne ledono l’immagine ed il carisma criminali, aspetti sui quali si fonda la forza d’intimidazione. Se risulta che, attraverso lo svolgimento di un’attività illecita tra quelle indicate dalla normativa, il soggetto ha tratto dalla stessa considerevoli guadagni, la misura personale, per quanto affittiva, diventa comunque sopportabile non investendo il patrimonio del soggetto, il quale può continuare, direttamente o per interposta persona, ad amministrarlo. Tali misure si possono così sintetizzare: - sospensione provvisoria dell’amministrazione dei beni; - sequestro e successiva confisca dei beni per i quali non è possibile dimostrare la legittima provenienza; - cauzione o prestazioni di idonee garanzie sostitutive. La legge 13 settembre 1982, n 0 646 “Disposizioni in materia di misure di prevenzione di carattere patrimoniale ....., ha introdotto l’art. 2 ter nella legge 31 maggio 1965, n 0 575. Detta normativa, integrata e modificata da successivi testi legislativi, prevede che durante il procedimento per l’applicazione della misura di prevenzione della Sorveglianza speciale (con o senza divieto od obbligo di soggiorno ex art 3 della legge 27 dicembre 1956, n 0 1423), il Tribunale, per le persone indiziate di appartenere ad associazioni di tipo mafioso o equiparate, può: - svolgere, direttamente o indirettamente, ulteriori indagini al fine di verificare che vi siano sufficienti indizi che facciano ritenere i beni frutto

Anteprima della Tesi di Luigi Di Puorto

Anteprima della tesi: Le misure di prevenzione, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Luigi Di Puorto Contatta »

Composta da 195 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18130 click dal 18/11/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.