Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le misure di prevenzione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- di commercio all’ingrosso o costituite ad hoc, per acquisire indebitamente contributi erogati dallo Stato o dalla Comunità Europea per lo sviluppo di settori in crisi ovvero per l’incentivazione di attività industriali in zone economicamente depresse; - di intermediazione finanziaria in modo da penetrare più agevolmente nei circuiti economici internazionali sia attraverso la costituzione diretta delle aziende fiduciarie sia condizionando l’attività di banche di rilievo provinciale e/o regionale, mediante il coinvolgimento di grandi masse di denaro liquido ovvero infiltrandovi elementi di fiducia. Tali condotte possono incidere nel mercato con possibili conseguenti alterazioni della libera concorrenza. L’attività preventiva delle Forze di Polizia si è decisamente orientata all’aggressione dei patrimoni criminali illecitamente acquisiti, dando notevole impulso alle indagini patrimoniali, in linea con quanto previsto dall’art. 23 bis della legge 646/82, che dispone “quando si procede nei confronti di persone imputate del delitto 416 bis codice penale … il Pubblico Ministero ne da senza ritardo comunicazione al Procuratore della Repubblica territorialmente competente, per il promuovimento, qualora non sia già in corso, del procedimento per l’applicazione di una misura di prevenzione …”. Tale disposizione, quindi, prevede un sistematico e contestuale impiego di entrambi gli strumenti (c.d. doppio binario). A tal fine sono state standardizzate apposite procedure operative che si sostanziano in: - mappatura per area di influenza delle famiglie caratterizzanti localmente la criminalità organizzata, con particolare riferimento a quelle di tipo mafioso; - indagini anagrafiche e sui precedenti di polizia e giudiziari intese ad individuare affiliati e fiancheggiatori dei sodalizi; - controllo delle attività svolte dai soggetti così individuati, per verificarne la presenza nell’ambito delle attività economiche considerate localmente “a

Anteprima della Tesi di Luigi Di Puorto

Anteprima della tesi: Le misure di prevenzione, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Luigi Di Puorto Contatta »

Composta da 195 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18130 click dal 18/11/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.