Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi economica dell'espropriazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 comparabili in quanto appartenenti a civiltà tra cui esiste una analogia più ampia. Nell'ambito più specifico del diritto, si è soliti far risalire la nascita della comparazione giuridica moderna al congresso di Parigi del 1900, organizzato dalla Societè de legislation comparée. Oggetto di essa è il raffronto tra le diverse organizzazioni giuridiche esistenti, o esistite, nel mondo. Poiché lo studio gius-comparatistico lavora su una materia in cui si hanno tanti sistemi giuridici quanti sono gli stati indipendenti, più gli ordinamenti propri di territori non-indipendenti sottoposti a un regime di tipo coloniale, o caratterizzati da un certo grado di autonomia, o dall'essere parte di una federazione, si è sentito il bisogno di una qualche forma di raggruppamento delle diverse realtà giuridiche esistenti. Punto di partenza di questo processo logico è stata la distinzione tra regole giuridiche, connotate da varietà e mutevolezza, e stili giuridici, cioè l'insieme di atteggiamenti storicamente radicati sulla natura del diritto e del suo ruolo nella società e nella politica, nonché il modo in cui debba essere applicato, insegnato e pensato. Per quanto riguarda gli stili giuridici, così come i diversi linguaggi possono essere raggruppati in base alle loro origini comuni, anche i diversi stili possono essere riuniti in poche, grandi famiglie. Secondo la classificazione di R. David, padre della scienza dei sistemi giuridici comparati, tutti i sistemi giuridici moderni sono riconducibili a quattro grandi famiglie giuridiche: quella romano- germanica, o di Civil Law; quella di Common Law; quella formata dai paesi socialisti o ex-socialisti; e quella dei sistemi religiosi tradizionali, come quelli dominati dal diritto hindu o dalla shari'a islamica. Sebbene questa classificazione sia stata accolta da tutti gli studiosi e da tutti i centri di studio del diritto comparato, non vi è totale accordo tra i comparatisti su di essa.

Anteprima della Tesi di Alfredo Di Lorenzo

Anteprima della tesi: Analisi economica dell'espropriazione, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alfredo Di Lorenzo Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5026 click dal 18/11/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.