Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il principio di sussidiarietà nel sistema delle autonomie locali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 sussidiarietà inizierà ad affacciarsi nell’ordinamento positivo interno in forma diretta ed espressa. Sarà però la grave crisi finanziaria, resa ancor più evidente con l’approvazione del Trattato di Maastricht e la conseguente introduzione di rilevanti vincoli economici e di controllo della spese pubblica, a costringere il legislatore ad attuare un rilevante riassetto delle autonomie locali. La legge 8 giugno 1990, n. 142, per la prima volta nell’ordinamento repubblicano, disciplinerà in maniera organica le attribuzioni compiute dal legislatore nazionale in favore degli Enti Locali. Non sarà un intervento né definitivo, né risolutore. Anzi, dopo neppure due anni, con la legge 25 marzo 1993, n. 81 e l’introduzione dell’elezione diretta del Sindaco e del Presidente della Provincia, l’ordinamento delle autonomie locali conoscerà una prima, importante riorganizzazione compiuta proprio nel rispetto dell’impianto fissato dalla 142/90. Proprio l’introduzione dell’elezione diretta del Sindaco e del Presidente della Provincia ha costituito premessa indispensabile e necessaria, nel nostro ordinamento, per l’ingresso del principio di sussidiarietà. Al di là dell’evidente mutamento così realizzato rispetto al precedente sistema, nel quale i partiti politici svolgevano un ruolo preponderante nell’elezioni del Sindaco e del Presidente della Provincia operando scelte discrezionali e scarsamente rispettose della volontà degli elettori, si può dire che l’introduzione dell’elezione diretta dell’organo esecutivo degli Enti Locali ha permesso che le autonomie territoriali iniziassero a sviluppare un sistema di governance al centro del quale non era più posto il potere pubblico, inteso come soggetto a sé stante e sostanzialmente impermeabile alle esigenze e alle istanze dei cittadini. Al contrario, si è andato velocemente sviluppato un sistema in cui il Sindaco e il Presidente della Provincia, eletti direttamente dal popolo, rivendicavano e cercavano di ottenere il maggior spazio di autonomia e di potere possibile per soddisfare le aspettative e le attese degli elettori e dei vari attori sociali presenti sul territorio.

Anteprima della Tesi di Galeazzo Bignami

Anteprima della tesi: Il principio di sussidiarietà nel sistema delle autonomie locali, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Galeazzo Bignami Contatta »

Composta da 322 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9160 click dal 03/12/2004.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.