Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sito web della biblioteca pubblica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 sulle varie celebrazioni nella regione), nonché seguivo la redazione delle pagine web e la grafica del sito. Scrissi anche un articolo3 per ricordare la figura di Giorgio Perlasca, il commerciante padovano che salvò migliaia di ebrei ungheresi e di cui, in occasione della Giornata della Memoria, la RAI trasmetteva uno sceneggiato per ricordare quelle orribili vicende ed onorare la sua (trascurata) memoria in Italia. Il nostro sito, un po’ per scherzo ed un po’ sul serio, riuscì così a balzare agli onori della “grande” informazioni: fu proposto nei link di approfondimento nelle pagine on line dei quotidiani “Corriere della sera”4 e de “La Stampa” di Torino5. Inoltre fu trasmesso agli iscritti di Bibliomail, servizio curato dalla biblioteca di Empoli, nell’invio del lunedì (dedicato alla recensione libraria): era lunedì 28 gennaio 20026 e si proponeva agli iscritti al servizio il libro di Enrico Deaglio, dedicato alla vita ed alla storia di Perlasca. Non sto a dilungarmi su quello che è successo poi a me ed alla redazione del sito… ma tante sono state le soddisfazioni incontrate, così come le persone che mi hanno intasato per mesi, la mia casella elettronica, scrivendomi da tante parti d’Italia e del mondo (sono ancora in contatto con una studentessa del Belgio e con il gruppo dei soldati dissidenti in Israele). Perché ho raccontato questa esperienza di due anni fa? Diciamo che quella è stata la svolta di un percorso che mi ha fatto capire e riflettere sull’importanza delle nuove tecnologie informatiche e di comunicazione, che già in parte conoscevo. Notai che la Rete, come dice Giancarlo Livraghi “… è fatta di persone e non di macchine, connessioni, software e protocolli o business o marketing”7. Altra importante esperienza personale che “entra” nel presente lavoro è la mia esperienza nel progetto “Cavie da web” della biblioteca comunale di Empoli del giugno 2003, dove con test di usabilità si puntava a capire l’impatto e l’efficacia del sito web bibliotecario toscano, nelle ricerche degli utenti “dentro” il sito 3 Vedi . 4 Vedi . 5 Non mi è possibile ricostruire il link del quotidiano perché archivia solo gli ultimi 30 giorni. 6 Vedi . 7 LIVRAGHI, Giancarlo [2001] L’umanità dell’Internet: le vie della Rete sono infinite, Milano, Hops, p. 9.

Anteprima della Tesi di Annalisa Serafini

Anteprima della tesi: Il sito web della biblioteca pubblica, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Annalisa Serafini Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7254 click dal 19/11/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.