Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mandato di arresto europeo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 CAPITOLO PRIMO IL QUADRO DEI RAPPORTI GIURISDIZIONALI CON LE AUTORITÀ STRANIERE NELL’UNIONE EUROPEA 1.1 - La cooperazione giudiziaria internazionale in materia penale e il “terzo pilastro” dell’Unione Europea nel Trattato di Maastricht. La cooperazione giudiziaria in materia penale è andata incontro, nel tempo, a notevoli sviluppi. I primi passi verso la realizzazione di una comunanza di intenti e di azioni tra gli Stati membri in materia penale e di politica criminale sono stati mossi già nel 1977, anno in cui risale il progetto di espace judiciaire pénal européen, promosso dal Presidente francese Giscard d’Estaing al Vertice dei Capi di Stato e di Governo. Segnata per lungo tempo da scarsi risultati sul piano pratico, in quanto dotata di scarsa trasparenza nei processi decisionali (la Commissione risultava in taluni casi del tutto esclusa) la cooperazione giudiziaria penale ha visto dapprima sfociare i suoi lavori in un affastellarsi di Gruppi di lavoro operativi a vario livello quali il Gruppo Trevi 1 , il CELAD (Coordinatori Europei per la Lotta Antidroga) o il GAM (Groupe Assistence Mutuelle, operante in materia doganale), per poi ricevere una migliore coordinazione in seguito al Trattato di Maastricht. 1 Acronimo che, a detta di alcuni, avrebbe indicato l’oggetto dei lavori del Gruppo, identificato nei fenomeni di Terrorisme, Radicalisme, Extrèmisme, Violence Internazionale. A detta di altri detta denominazione venne, invece, assegnata al Gruppo in occasione di una riunione tenutasi a Roma sotto la presidenza di un funzionario olandese, di nome La Fontaine, il quale, a fronte dell’offerta di

Anteprima della Tesi di Fabiana Malorgio

Anteprima della tesi: Il mandato di arresto europeo, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Fabiana Malorgio Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12350 click dal 22/11/2004.

 

Consultata integralmente 46 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.