Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mandato di arresto europeo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 Al primo gruppo di norme appartiene la Convenzione Europea di assistenza giudiziaria in materia penale del 1959 4 , adottata nell’ambito del Consiglio d’Europa. Essa impegna reciprocamente gli Stati membri ad eseguire, nelle forme previste dalla legislazione dello Stato richiesto, le rogatorie relative ad un procedimento penale che abbiano ad oggetto il compimento di atti istruttori, o la trasmissione di corpi di reato, di fascicoli e documenti nonché a rimettere atti processuali e provvedimenti giudiziari, mediante semplice invio o notifica al destinatario e citare a comparire testimoni, periti e persone sottoposte a procedimento penale. E’ previsto inoltre che le comunicazioni richieste debbano essere trasmesse alle autorità giudiziarie qualora fosse loro possibile ottenere, analogamente, le medesime attraverso gli estratti del casellario giudiziario. Stabilisce infine che gli Stati debbano provvedere allo scambio di informazioni relative a condanne e possano ricevere denunce dirette ad ottenere l’instaurazione di procedimenti penali. Ai sensi dell’art. 2 della Convenzione, solo in ipotesi tassative può essere rifiutata l’assistenza, ossia “quando la domanda si riferisce a reati che lo Stato richiesto considera politici ovvero reati fiscali”. 4 La Convenzione è stata firmata a Strasburgo il 20 aprile 1959 ed è entrata in vigore per l’Italia il 12 giugno 1962. Per altri Paesi europei è entrata in vigore nell’anno 2000: l’11 gennaio 2000 per la Georgia, il 9 marzo 2000 per la Federazione Russa, il 24 maggio 2000 per Cipro, il 3 luglio 2000 per l’Albania. È Israele l’unico stato non membro del Consiglio d’Europa che sin dal 27 dicembre 1967 ha aderito a tale Convenzione. Per una trattazione completa e accurata degli strumenti convenzionali internazionali di assistenza giudiziaria in materia penale, si legga A. CIAMPI, L’assunzione di prove all’estero in materia penale, Padova, Cedam, 2003. Ancora sull’argomento, D. CARCANO, Norme comuni e norme internazionali sull’assistenza giudiziaria in materia penale,inDocumenti Giustizia, 2000, n. 6.

Anteprima della Tesi di Fabiana Malorgio

Anteprima della tesi: Il mandato di arresto europeo, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Fabiana Malorgio Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12350 click dal 22/11/2004.

 

Consultata integralmente 46 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.