Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli matematici per la gestione della liquidità di breve periodo nelle aziende di credito

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 1.2 La funzione di Tesoreria La gestione della liquidità di breve periodo è stata considerata, fino a qualche anno fa, un’attività residuale rispetto alle tradizionali attività di profitto della banca. La Tesoreria si limitava a gestire i flussi monetari di breve periodo, finanziando ed impiegando i saldi liquidi provenienti dalle operazioni dei settori operativi tradizionali (principalmente di raccolta e di credito). L’evoluzione di alcuni fattori del mercato nei primi anni novanta ha però trasformato la Tesoreria in un potenziale centro di profitto. Si fa riferimento, in particolare, ai seguenti cambiamenti: 1) l’abbattimento delle barriere normative e la conseguente maggiore integrazione tra il mercato domestico e quello internazionale nell’area europea ( Trattato istitutivo della Comunità europea così come modificato dal Titolo II, art. G, del Trattato di Maastricht, 7 febbraio 1992 ); 2) l’evoluzione dei sistemi di pagamento e la prevalenza del regolamento in base monetaria ( progetti di riforma del sistema di compensazione nazionale, circuito dei pagamenti interbancari ed integrazione tra circuito bancario e postale, realizzati nel biennio 1989-1990 ); 3) la nascita del mercato telematico dei depositi interbancari ( costituito il 16 febbraio 1990 ) e del mercato secondario dei titoli di Stato ( istituito con decreto del Ministro del Tesoro dell’8 febbraio 1988 ) come mercati regolamentati; 4) la mobilizzazione della riserva obbligatoria ( a partire dall’ottobre del 1990 per la quota del 3%, poi in percentuali crescenti e con modalità differenti ); 5) lo sviluppo e la distribuzione di nuovi strumenti finanziari, in particolare quelli di copertura e di traslazione del rischio ( ad esempio l’Overnight indexed swap, negoziato per la prima volta il 16 maggio 1995 ). La moderna Tesoreria ha così assunto sempre più una posizione centrale nella direzione finanziaria, diventando promotrice, quando non responsabile, di una gestione efficiente e integrata delle posizioni su un’ampia gamma di strumenti: dall’interbancario ai titoli, dalle divise estere ai finanziamenti della Banca Centrale.

Anteprima della Tesi di Oscar Alessandro Maffioletti

Anteprima della tesi: Modelli matematici per la gestione della liquidità di breve periodo nelle aziende di credito, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Oscar Alessandro Maffioletti Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3090 click dal 22/11/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.