Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli matematici per la gestione della liquidità di breve periodo nelle aziende di credito

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Parallelamente al mercato, anche la struttura patrimoniale delle aziende di credito ha conosciuto una significativa trasformazione 4 : anzitutto nell’evoluzione della struttura “a vista” iniziale verso una struttura maggiormente articolata per scadenze dell’attivo e del passivo bancario. Inoltre, si è conosciuta una crescente incidenza degli impieghi e della raccolta in valuta in seguito all’attuazione di normative a favore della libera circolazione dei capitali 5 . Infine, sulla struttura patrimoniale hanno avuto effetto gli interventi regolatori della Banca d’Italia, volti a garantire una crescita sostenibile del sistema bancario, con l’introduzione dell’obbligo del rispetto di determinati coefficienti patrimoniali 6 . L’ultimo importante fattore di evoluzione della funzione di Tesoreria è stato, nel 1997, l’avvio del sistema di regolamento lordo in tempo reale dei pagamenti interbancari (Bi-Rel). L’introduzione di tale sistema ha profondamente modificato il profilo di liquidità oggetto dell’attività di tesoreria. Si è passati, infatti, dalla necessità di recuperare risorse in funzione di un unico saldo delle posizioni a fine di giornata, alla necessità di monitorare costantemente nel corso della giornata le risorse disponibili, per garantire la liquidità a livello infragiornaliero e poter quindi consentire il corretto smaltimento delle operazioni di pagamento disposte dalla banca per conto proprio o di terzi. Ciò ha comportato una serie di interventi di adeguamento alle nuove modalità operative sul sistema informativo, sui processi aziendali e sulle risorse umane 7 . In particolare, l’aggiornamento del sistema informativo ha comportato per la funzione di Tesoreria non solo l’introduzione delle nuove funzionalità, ma anche l’integrazione con le applicazioni che gestiscono le tipologie di pagamento Bir, Boe, Gec, Mid e gli ulteriori flussi di liquidità previsionale, in modo da consentire il tempestivo aggiornamento della situazione di tesoreria, espressa dai movimenti in scadenza nella giornata o generati nella giornata stessa. 4 Cfr. Natale-Feller, La tesoreria bancaria negli anni novanta, IL SOLE24ORE LIBRI, 1992. 5 Prima fra tutte quella del Trattato istitutivo della Comunità europea così come modificato dal Titolo II (art. G ) del Trattato di Maastricht. 6 Si pensi al risk asset ratio ed al gearing ratio, introdotti nel marzo 1987, ai quali le banche erano tenute a correlare i crediti concessi. 7 Si veda F. Iorio, Bi-rel: ultima opportunità per l’integrazione della tesoreria, Bancaria n.1, 1997.

Anteprima della Tesi di Oscar Alessandro Maffioletti

Anteprima della tesi: Modelli matematici per la gestione della liquidità di breve periodo nelle aziende di credito, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Oscar Alessandro Maffioletti Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3090 click dal 22/11/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.