Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strumenti di investimento nel mercato azionario europeo: un confronto tra Fondi di investimento ed ETF

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

SEZIONE 1 5 FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO Il Fondo comune d'investimento è un patrimonio collettivo costituito dalle somme versate da una pluralità di Partecipanti ed investite in strumenti finanziari. Ciascun Partecipante detiene un numero di quote, tutte di uguale valore e con uguali diritti, proporzionale all'importo che ha versato a titolo di sottoscrizione. Il patrimonio del Fondo costituisce patrimonio autonomo e separato da quello della S.G.R. e dal patrimonio dei singoli Partecipanti, nonché da quello di ogni altro patrimonio gestito dalla medesima S.G.R.. Il Fondo è "mobiliare" poiché il suo patrimonio è investito esclusivamente in strumenti finanziari. E' "aperto" in quanto il risparmiatore può, ad ogni data di valorizzazione della quota, sottoscrivere quote del Fondo oppure richiedere il rimborso parziale o totale di quelle già sottoscritte. Il valore unitario della quota, espresso in millesimi di Euro, risulta dalla divisione del valore complessivo netto del Fondo, calcolato sulla base dei criteri di valutazione delle attività del Fondo stabiliti dalla Banca d'Italia, per il numero delle quote in circolazione, entrambi relativi al giorno di riferimento. Il valore della quota è calcolato giornalmente al netto di qualsiasi onere a carico del Fondo. I regolamenti attuativi del Testo Unico della Finanza emanati dalla Consob prevedono che ogni fondo comune di investimento indichi, con la pubblicazione del proprio prospetto informativo, un parametro oggettivo di riferimento, detto benchmark, costruito facendo riferimento ad indicatori finanziari elaborati da soggetti terzi e di comune utilizzo, coerente con i rischi connessi alla gestione dell’OICR, al quale confrontare il rendimento dell’OICR stesso. Il problema dell’utilizzo dei benchmark con tale finalità esula dal presente lavoro; quello che rileva è che, nella scelta dei Fondi che verrà condotta, si farà riferimento ai benchmark dichiarati per valutare la coerenza del Fondo con le finalità di investimento ricercate. Per un’ identificazione dei Fondi comuni d’investimento, si fa generalmente riferimento alla classificazione proposta da ASSOGESTIONI 3 , che, innanzitutto, si articola in cinque macro categorie: ξ Azionari; ξ Bilanciati; ξ Obbligazionari; ξ Liquidità; ξ Flessibili. Ogni macro categoria si contraddistingue per la percentuale minima e massima di investimento azionario, identificando così i parametri per l’asset allocation di base (azionaria-obbligazionaria). La macro categoria dei Fondi Azionari è caratterizzata da un investimento principale pari almeno al 3 Assogestioni, Guida italiana al risparmio gestito, ed. 2004.

Anteprima della Tesi di Oscar Alessandro Maffioletti

Anteprima della tesi: Strumenti di investimento nel mercato azionario europeo: un confronto tra Fondi di investimento ed ETF, Pagina 3

Tesi di Master

Autore: Oscar Alessandro Maffioletti Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3910 click dal 23/11/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.