Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilità sociale degli amministratori di s.p.a. per l'attività di gestione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Senza entrare nel merito del dibattito dottrinale sviluppatosi negli anni, relativo alla natura giuridica del rapporto intercorrente tra amministratori e società e sulla fonte dei poteri degli amministratori, è opportuno evidenziare che gli amministratori costituiscono un organo necessario della società per azioni, organo cui la legge attribuisce il compito di amministrare la società 3 . Rispetto agli altri organi sociali, infatti, quello amministrativo presenta la particolarità di dare concreta attuazione al contratto sociale, esercitando quelle attività i cui risultati, in virtù del rapporto intercorrente tra amministratori e società, diventano comuni ai soci. Gli atti compiuti dagli amministratori, o meglio le conseguenze giuridiche dei loro atti, vengono quindi ad essere imputate direttamente ed esclusivamente alla società, senza conseguenza alcuna nella sfera giuridica degli autori materiali delle azioni stesse. I poteri attribuiti agli amministratori sono lo strumento a loro disposizione per l’esercizio delle loro funzioni, cioè per l’attuazione dell’oggetto sociale e l’adempimento dei doveri che la legge o l’atto costitutivo gli impongono. 3 E’ ormai pacifico che gli amministratori sono un organo sociale e non più dei semplici mandatari della società, come era affermato all’art. 129 secondo comma del Codice di commercio del 1882. Già nel Codice Civile del 1942, dell’originario rapporto di mandato, rimaneva soltanto il riferimento al mandatario per la misura della diligenza dovuta dagli amministratori nell’adempimento dei loro doveri (art. 2392 c.c.); riferimento che oggi, come vedremo, con l’entrata in vigore del D.lgs. n. 6, del 17 gennaio 2003, è definitivamente scomparso.

Anteprima della Tesi di Angelo Rinna

Anteprima della tesi: La responsabilità sociale degli amministratori di s.p.a. per l'attività di gestione, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Angelo Rinna Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11952 click dal 23/11/2004.

 

Consultata integralmente 63 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.