Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

MASSUD di Ettore Mo. Vita, imprese e morte del ''Leone del Panshir'' Ahmad Shah Massud nelle corrispondenze dell'inviato del ''Corriere della sera'' Ettore Mo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 INTRODUZIONE Sporche guerre, violenze, guerriglie, miserie, popoli martoriati; sono questi gli ingredienti dell’esperienza professionale di Ettore Mo che, da quasi trent’anni, si fa portavoce nei suoi reportage dei lamenti di un mondo, ma soprattutto di un’umanità, che soffre. L’Afghanistan rappresenta tutto questo: un popolo stremato dalla guerra, che ha sconvolto gli equilibri strategici del mondo. E’proprio grazie a Ettore Mo se noi oggi possediamo una testimonianza autentica dell’uomo che ha sempre combattuto per l’indipendenza e la liberazione del suo popolo: Ahmad Shah Massud, il “Leone del Panshir”, capo carismatico dell’opposizione ai sovietici prima e ai talebani poi, che ha condotto la sua lotta per l’indipendenza del popolo afghano. Ettore Mo è stato l’unico inviato italiano che ha incontrato più volte il comandante afghano, raccogliendo il suo grido di dolore e di aiuto rivolto al mondo occidentale; grido che è rimasto inascoltato per anni, almeno fino all’11 settembre 2001, quando il mondo si è accorto di ciò che Massud, attraverso le parole di Ettore Mo, aveva cercato di spiegare, e cioè la nascita di un integralismo islamico portatore di morte e distruzione. Nel primo capitolo di questa tesi si racconta l’esperienza del giornalista de il ”Corriere della Sera”in Afghanistan, il Paese che ha frequentato più di tutti gli altri al mondo sin dal 1979, anno dell’invasione sovietica; ma nemmeno Ettore Mo sa dire quante volte sia ritornato in Afghanistan, un Paese a lui così caro, con il quale lui stesso ammette di aver avuto una storia d’amore, e quindi ricca di alti e bassi. Con il secondo capitolo viene introdotta la figura del generale Massud, così come è descritta dalle parole di Ettore Mo: in particolare, analizzo la sua infanzia e la sua adolescenza, trascorsa a Kabul per terminare gli studi, che furono in realtà presto interrotti per la vocazione, già chiara in Massud, di ritornare nel Panshir per guidare la lotta contro l’Armata Rossa.

Anteprima della Tesi di Maria Letizia Napoli

Anteprima della tesi: MASSUD di Ettore Mo. Vita, imprese e morte del ''Leone del Panshir'' Ahmad Shah Massud nelle corrispondenze dell'inviato del ''Corriere della sera'' Ettore Mo, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Maria Letizia Napoli Contatta »

Composta da 76 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5089 click dal 26/11/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.