Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli americani a Licata. Dall'amministrazione militare alla ricostruzione democratica. 1943-1946

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 truppe inglesi; questo, ovviamente, relegava gli americani ad un ruolo secondario in tutta l’operazione mentre gli inglesi avrebbero compiuto le imprese maggiori, con la conquista dei tre principali porti della Sicilia orientale: Catania, Siracusa ed Augusta. Eisenhower, rendendosi conto che bisognava arrivare al più presto ad una conclusione, il 3 maggio prese la decisione di accettare la versione di Montgomery, 10 adottata poi come piano definitivo per la presa della Sicilia. Il 19 maggio, il comandante della Force 141 sir Alexander diramò l’ordine d’operazione generale N. 1, per l’esecuzione di Husky; obiettivi prioritari della prima fase sarebbero stati i porti di Licata e Siracusa. 11 Il 29 maggio, nella sua villa ad Algeri, il comandante Eisenhower illustrò dettagliatamente il piano d’invasione della Sicilia al Premier inglese Churchill ed ai Capi di Stato Maggiore Alleati; il primo argomento all’ordine del giorno era però la conquista dell’isola di Pantelleria per l’undici giugno, il cui aeroporto rappresentava un vantaggio militare per il successivo attacco alla Sicilia meridionale 12 (il 12 ed il 13 giugno furono poi conquistate le isole di Lampedusa e Linosa). Nel piano, l’Ottava Armata avrebbe assalito quella parte di costa situata tra Siracusa e Pozzallo, con quattro divisioni (la 5^ e la 50^ del XIII Corpo d’Armata, la 1^ canadese e la 51^ Highland del XXX Corpo d’Armata) ed una brigata indipendente (la 231^ di fanteria) con il compito di catturare il 10 Carlo D’Este, op. cit., pp. 90 - 92 11 Alberto Santoni, op. cit., p. 35. I più importanti obiettivi immediati furono i porti, necessari per rifornire le forze di invasione, e i campi di volo, che sarebbero stati utilizzati dalle forze aeree Alleate. 12 Lamberto Mercuri, La Sicilia e gli Alleati in L’Italia fra tedeschi e Alleati, cit., p. 223

Anteprima della Tesi di Claudio Li Gotti

Anteprima della tesi: Gli americani a Licata. Dall'amministrazione militare alla ricostruzione democratica. 1943-1946, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Claudio Li Gotti Contatta »

Composta da 151 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2028 click dal 01/12/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.