Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scelte aziendali in condizioni di incertezza: gli usi non finanziari del "Value at Risk e le Opzioni Reali"

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Un altro presupposto del modello base consiste nel fatto che l’operazione ha dei riflessi soltanto sul saldo della dotazione patrimoniale dell’investitore e non sulla sua struttura e le sue articolazioni, viene trattata come un unicum indivisibile senza considerare le interrelazioni tra i diversi elementi 18 (ipotesi che può essere rimossa in modelli di Van su Capitale proprio e scomposizione in indici). A livello interpretativo possiamo comunque definire il valore numerico del Van come l’importo immediato da ricevere (se positivo) o da pagare (se negativo) che ha lo stesso effetto sulla situazione aziendale dell’intera operazione finanziaria da valutare 19 . A questa conclusione si giunge sulla base del confronto di due possibili situazioni: la cessione o la non-cessione di un’attività derivante da un’operazione finanziaria con Van positivo: cedendo si ottiene una ricchezza finale pari a T T ipWW )1)(( 0 ++= (dove p rappresenta il prezzo da ricevere per cedere l’attività); non cedendo, la ricchezza finale diventa ∑ = − +++= n s tT s t T s iaiWW 0 0 )1()1( . Il prezzo-soglia si ottiene eguagliando le due equazioni ed è precisamente ∑ = − += n s t s s iap 0 )1( che equivale alla formula principale del Van. 18 secondo C.A. MAGNI in Un criterio strutturalista per la valutazione degli investimenti in IL RISPARMIO 5 – 6 settembre – dicembre 1999 pag. 783 questo presupposto (con altri) minerebbe alle fondamenta la validità del criterio e potrebbe portare a risultati gravemente distorsivi. L’autore in questo articolo propone un metodo di valutazione degli investimenti detto “strutturalista”, basato sul concetto di investimento come modificazione strutturale del sistema patrimoniale/finanziario del soggetto, di cui il Van sarebbe soltanto un caso particolare. 19 E. CASTAGNOLI – L. PECCATI op. cit. pag 75

Anteprima della Tesi di Domenico Benedetti

Anteprima della tesi: Scelte aziendali in condizioni di incertezza: gli usi non finanziari del "Value at Risk e le Opzioni Reali", Pagina 10

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Domenico Benedetti Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2611 click dal 26/11/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.