Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scelte aziendali in condizioni di incertezza: gli usi non finanziari del "Value at Risk e le Opzioni Reali"

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 ¾ Le Opzioni Reali, che portano a calcolare il valore di un investimento tenendo conto anche delle possibili alternative che la realizzazione dell’investimento stesso potrebbe comportare in futuro. Queste due metodologie vengono in particolare confrontate e viste come evoluzione di quelle che negli ultimi anni sono state maggiormente utilizzate in ambito aziendale: il Valore Attuale Netto (VAN) ed i metodi da esso derivanti (scomposizione del VAN, EVA), il Tasso Interno di Rendimento (TIR), il Payback Period ed altri metodi basati su variabili di tipo contabile (ROE, ROI), caratterizzati da presupposti di certezza delle variabili utilizzate. È mia convinzione che questi modelli possano aiutare ad effettuare scelte più razionali in diversi ambiti della vita d’impresa, quali ad esempio: ¾ l’analisi degli investimenti (in beni strumentali, in ricerca e sviluppo, nelle risorse umane); ¾ le decisioni che comportino modificazioni sostanziali nella vita dell’impresa (chiusura reparti, ristrutturazioni, processi di turnaround); ¾ la scelta della struttura patrimoniale- finanziaria più adatta all’impresa (rapporto mezzi propri / debiti); ¾ la programmazione ed il controllo delle diverse attività d’impresa (vendite, produzione, acquisti, programmazione dei flussi di cassa) e la redazione di budget flessibili 6 ; ¾ la redazione e l’analisi dei bilanci di impresa, tenendo conto delle possibili variazioni nel valore delle diverse poste contabili in seguito a variazioni di variabili esterne all’impresa (soprattutto alla luce delle nuove disposizioni legislative in materia di principi contabili internazionali e della problematica relativa al fair value); ¾ la valutazione del capitale economico delle aziende di produzione (in particolare attraverso metodi basati sui flussi di cassa o metodi patrimoniali); 6 Per BUDGET FLESSIBILE si intende la traduzione quantitativa degli obiettivi a breve termine di impresa basata sulla considerazione di più livelli produttivi; così in L. SELLERI Il Budget di Esercizio, ETAS, Milano, 1991

Anteprima della Tesi di Domenico Benedetti

Anteprima della tesi: Scelte aziendali in condizioni di incertezza: gli usi non finanziari del "Value at Risk e le Opzioni Reali", Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Domenico Benedetti Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2611 click dal 26/11/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.