Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il bilancio sociale d'impresa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 1.4 L’oggetto della responsabilità sociale d’impresa I primi tentativi di identificazione della responsabilità sociale risalgono alla prima guerra mondiale, ma è solamente a partire dagli anni ’50 negli Stati Uniti che inizia a diffondersi un vero e proprio dibattito sull’argomento, dibattito che verrà ripreso negli anni successivi in tutta l’Europa occidentale 12 . Una prima definizione del termine è stata proposta da Bowen, nel 1953, e ancora oggi può essere considerata in parte valida: “la responsabilità sociale è il dovere degli uomini d’affari di perseguire quelle politiche, di prendere quelle decisioni, di seguire quelle linee d’azione che sono desiderabili in funzione degli obiettivi e dei valori riconosciuti dalla società” 13 . L’Italia, per diversi motivi, è in netto ritardo nella percezione della problematica. La grande crisi degli anni ’70 si è tradotta in una grave situazione di incertezza economica e politica che ha coinvolto le aziende italiane. Tali aziende, riuscendo a malapena ad ottenere la quadratura del bilancio economico, non avevano i mezzi necessari per condurre riflessioni e studi rivolti all’innovazione dei sistemi di gestione. Verso la fine degli anni ‘70, negli Stati Uniti, il dibattito era concentrato sul seguente interrogativo: la responsabilità sociale è una moda passeggera oppure l’inizio di un fondamentale cambiamento di direzione aziendale? Alcuni grandi economisti hanno cercato di opporsi a questa nuova visione e, a riguardo, le parole dell’economista Milton Friedman sono molto chiare: “Ci sono poche cose così pericolose per le fondamenta della nostra libera società, quanto l’accettare, da parte dei dirigenti aziendali, il concetto di responsabilità sociale, piuttosto che il servire nel miglior modo possibile gli interessi degli azionisti della loro impresa” 14 . Sulla scia delle parole di Friedman altri studiosi hanno mosso critiche sull’importanza della responsabilità sociale: ξ L’obiettivo dell’impresa è economico e non sociale: secondo la dottrina economica classica, un’impresa può definirsi socialmente responsabile quando si occupa solamente dei propri interessi economici, lasciando le rimanenti attività ad istituti ed ordinamenti non economici; 12 F. Vermiglio, Il bilancio sociale nel quadro evolutivo del sistema d’impresa, Grafo Editore, Messina, 1984. 13 H. Bowen, Social Responsibility of the Businessman, Harper, New York, 1953. 14 M. Friedman, Capitalism and Freedom, Chicago University Press, 1962.

Anteprima della Tesi di Silvia Borzone De Signorio Sabelli

Anteprima della tesi: Il bilancio sociale d'impresa, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Borzone De Signorio Sabelli Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14440 click dal 29/11/2004.

 

Consultata integralmente 57 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.