Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il problema della partecipazione dei cattolici alla vita politica. Dal "non expedit" fino alla nascita del Partito Popolare.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 Margotti, il quale ha coniato la formula “né eletti né elettori” 9 , proprio per evidenziare il divieto assoluto di partecipazione politica 10 ; oppure quella di Jemolo, per il quale “ il non expedit ebbe una larga parte nel formare quella mentalità cattolica di separazione, di chiusura e di ostilità, che durerà fino al principio del ‘900” 11 ;oppure quella della stessa “La Civiltà Cattolica”, la quale “ si limitava a convertire il “non expedit” in non licet” 12 , poiché non é necessario per i cattolici sedere in Parlamento e quindi, di conseguenza, votare, visto che manca la necessità di tutelare l’interesse pubblico; oppure quella di Spadolini, per il quale l’astensione è un impedimento ideato dalla Santa Sede per non far scendere i cattolici a compromessi con la classe dirigente liberale 13 . Superata la concezione margottiana, il “non expedit” viene a identificarsi con la formula “preparazione nell’astensione”, sostenuta da don Sturzo e Romolo Murri, per i quali “ non doveva essere considerato come un’imposizione dall’autorità 9 C. Marongiu Bonaiuti,op. cit., pag. 4.La formula “né eletti né elettori” era “forma di protesta verso la politica del nuovo Stato italiano determinata anche dal fatto che i cattolici non avrebbero potuto servirsi delle elezioni politiche per fermare il movimento unitario”. Quindi lo strumento dell’astensione elettorale è escogitato da don Margotti nel 1861, al momento dell’unità dell’Italia, anticipando di tredici anni la condanna vera e propria da parte della Santa Sede. 10 Cfr.: G. Spadolini, L’opposizione cattolica da Porta Pia al ’98. (3 edizione). Firenze,1972,pag. 179; G. Margotti, Né eletti né elettori, in “L’Armonia”,a. XIV, n. 7, 8 gennaio 1861. Margotti era il direttore dell’Armonia, il quale aveva inventato questo termine già dal 1857 e G. De Rosa, op. cit., pag. 287, sostiene che la Santa Sede si era ispirata a lui quando aveva proclamato il “non expedit”. 11 Cfr.: G. Spadolini, op. cit., pag. 179; A. C. Jemolo, Chiesa e Stato in Italia negli ultimi cento anni. Torino, 1990. 12 G. Spadolini, op. cit.,pag. 181. 13 G. Spadolini, op. cit. ,pag. 116.

Anteprima della Tesi di Sonia Pavin

Anteprima della tesi: Il problema della partecipazione dei cattolici alla vita politica. Dal "non expedit" fino alla nascita del Partito Popolare., Pagina 7

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Sonia Pavin Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5398 click dal 29/11/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.