Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il malato terminale: il lavoro sociale con i morenti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

spesso di difficile definizione. Basta pensare ai gruppi di auto-aiuto (self-help) che si attivano nella terapia delle dipendenze e che possono avere talvolta una struttura formalizzata e tal’altra operano in modo assolutamente spontaneo senza alcuna natura giuridica. Allo stesso modo e con la stessa ambiguità, nell’ambito del terzo settore troviamo piccole associazioni prive di una attività strutturata, e grandi cooperative o associazioni di volontariato con migliaia di iscritti e di dipendenti. Anche quanto alla cultura di provenienza, gli enti del terzo settore differiscono molto tra di loro: talvolta sono una emanazione del mondo cattolico, altre volte espressione di solidarietà nate in seno al movimento operaio e altre ancora sono iniziative mosse da sentimenti di benevolenza e carità della borghesia. Un ulteriore punto di criticità riguarda il ruolo che devono assumere rispettivamente strutture ospedaliere e strutture assistenziali nei riguardi del trattamento dei pazienti cronici non autosufficienti. Da una parte c’è chi ritiene che le strutture ospedaliere dovrebbero concentrarsi sulla diagnosi e sul trattamento delle fasi acute, specializzandosi per così dire nella funzione tecnologica. Di conseguenza i malati cronici dovrebbero essere trattati in strutture residenziali di tipo assistenziale o dovrebbero permanere presso le famiglie con il sostegno dei servizi territoriali. Al contrario c’è chi ritiene che il trattamento dei malati cronici dovrebbe essere effettuato negli ospedali, dunque anche in casi di lunga degenza, e che dunque spetti al SSN sostenerne i costi. Comunque a queste due opinioni rimane il fatto della reale e presente mancanza di strutture adeguate per questa tipologia di cura.

Anteprima della Tesi di Claudia Sodero

Anteprima della tesi: Il malato terminale: il lavoro sociale con i morenti, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Sociali

Autore: Claudia Sodero Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 28977 click dal 29/11/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.