Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il malato terminale: il lavoro sociale con i morenti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Tenendo conto di ciò bisognerebbe trovare nella pratica un intreccio o legame tra queste due tipi di cura aldilà dell’assistenza economica che lo Stato fornisce attraverso la pensione di invalidità o di accompagnamento. Come afferma Bulmer i carers informali rimangono il principale punto di riferimento per le persone che necessitano aiuto. La rete sociale di ciascuno individuo costituisce un riferimento sicuro per cercare e ottenere un aiuto urgente per soddisfare i bisogni più immediati. Le situazioni che riesce a coprire non sono uniformi poiché dipendono da legami personali e dalla densità della rete sociale in cui si trova l’individuo. Esse possono essere forti in una determinata zona e deboli in un'altra ed anche in un territorio con reti forti, un particolare individuo privo di parentela o amici può rimanere isolato. Un servizio che rappresenti un certo grado di intercambiabilità tra il settore formale e quello informale è per esempio il servizio di assistenza domiciliare. Gli studi sull’assistenza domiciliare hanno mostrato ripetutamente che gli anziani che abitano da soli ricevono più aiuti di quelli che vivono con le loro famiglie. Il fatto di vivere da soli viene considerato un criterio convenzionale per stabilire una priorità nell’assegnazione del servizio, indipendentemente da una esatta valutazione della situazione della persona. Un altro criterio potrebbe essere quello di fornire supporto ad una famiglia che è sottoposta ad un impegno assistenziale continuativo. Sul nostro territorio, nel campo oncologico, per quel che concerne ASL LE/2, il coordinamento del servizio è stato affidato all’Unità di Oncologia Medica dell’ospedale di Casarano, struttura che segue oltre tremila pazienti neoplastici.

Anteprima della Tesi di Claudia Sodero

Anteprima della tesi: Il malato terminale: il lavoro sociale con i morenti, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Sociali

Autore: Claudia Sodero Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 28972 click dal 29/11/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.