Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo tecno-scientifico e riflessione bioetica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 propone di affrontare le questioni secondo uno spirito ora scientifico, ora etico, ma comunque parziale. In questo senso la speculazione filosofica rivolta alla scienza si sviluppa in epistemologia, chiarificando le condizioni i limiti e le aspettative delle quali l’impresa scientifica è titolare. In questo studio, un’epistemologia attenta riconosce il modello di scienza più adeguato, sul quale è possibile innestare la riflessione etica. In questo senso si scanseranno quelle derive epistemologiche formaliste di matrice nominalista, per le quali la scienza è sufficiente a se stessa, e si riaffermerà l’istanza realista della scienza, che distingue sempre il proprio referente dall’indagine. Si può già notare l’utilità di questo vaglio epistemologico, che riconosce la permeabilità del discorso scientifico ad altre prospettive, compresa quindi quella etica. Non si può però pretendere che questa riflessione sulla scienza sia compiuta dalla scienza stessa, è questo un momento squisitamente filosofico, anche se di interesse chiaramente scientifico. È sempre la riflessione filosofica a sviluppare un’etica che sia compatibile con il discorso scientifico. In questa direzione vanno letti i dibattiti interni all’etica tra le diverse prospettive: deontologiche, utilitariste e cognitive. L’indagine filosofica, dimostrando la legittimità di una prospettiva cognitivista, apre la riflessione morale alle acquisizioni scientifiche, proprio riconoscendo il cognitum come punto focale del discorso morale. Esemplificando questo rapporto, si può vedere come in una questione di rilevanza bioetica, quale quella dei diritti da riconoscere all’essere umano allo stato embrionale, si ammette, dal punto di vista etico, che l’essere o no titolare di diritto, dipende dall’essere considerati o no appartenenti al genere umano, e a questo livello del discorso si chiede alla scienza di esprimersi in merito a quest’appartenenza, decisiva moralmente. Come si vede, da quest’esempio, l’interazione tra scienza ed etica è possibile in un contesto in cui si siano precisati gli ambiti di competenza, e

Anteprima della Tesi di Giampaolo Ghilardi

Anteprima della tesi: Sviluppo tecno-scientifico e riflessione bioetica, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giampaolo Ghilardi Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5338 click dal 01/12/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.