Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La formazione nei processi di cambiamento organizzativo. Il caso Inps

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La formazione nei processi di cambiamento organizzativo. Il caso Inps __________________________________________________________ 6 È grazie a questa abilità di modificarsi che: “questo semicaotico, semipianificato processo di autocorrezione ed auto modificazione che dà alle organizzazioni le proprietà morfogeniche che le rendono un mezzo così flessibile e potente per l’uomo da permettergli di estendere il proprio controllo sull’ambiente che lo circonda ”. 14 Si delinea così il secondo paradigma definibile del “divenire vitale” che trova espressione nelle “riflessioni sul cambiamento organizzativo” di March 15 . Tra le riflessioni citiamo: Riflessione 1: le organizzazione cambiano in continuazione, seguendo una routine, con facilità, rispondendo a stimoli; ma il cambiamento di regola non può essere controllato nel modo voluto. Riflessione 4: sebbene la risposta dell’organizzazione ai mutamenti ambientali sia in gran parte adattiva e prevalentemente di routine, tale risposta avviene in modo imprevedibile. Ne risulta che processi banali conducano talvolta a risultati sorprendenti. Riflessione 5: l’adattamento a un ambiente mutevole comporta una combinazione di razionalità e di insensatezza. Ed è proprio in questa riflessione che emerge l’idea del cambiamento come dimensione fondamentale dell’esistenza delle organizzazioni cioè del cambiamento come evento di routine. È possibile integrare questi paradigmi antitetici tra loro introducendo un terzo paradigma. Quaglino spiega il funzionamento delle organizzazioni come prodotto delle interazioni tra struttura sociale, personalità individuale e cultura accumulata dall’organizzazione. (vedi figura 1). 14 P.R. Lawrence, J.W. Lorsch, op. cit. 15 J. G. March, Footnotes to Organizational Change, Administrative Science Quarterly, dicembre 1981 (trad. It. Riflessioni sul cambiamento organizzativo,Problemi di gestione, 1983)

Anteprima della Tesi di Roberta Palombo

Anteprima della tesi: La formazione nei processi di cambiamento organizzativo. Il caso Inps, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Roberta Palombo Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7585 click dal 29/11/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.