Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pratiche per l'equità nella scuola dell'autonomia: due casi di studio.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 “Il principio di efficienza afferma che una configurazione è efficiente ogni volta che è impossibile cambiarla in modo da far star meglio alcuni individui (almeno uno), senza far star peggio, al tempo stesso, altri individui (almeno uno)” (Rawls, op. cit., 71). Questo sistema si basa, inoltre, su un’eguaglianza solo formale delle opportunità, nel senso che tutti possiedono gli stessi diritti di accedere alle posizioni sociali più vantaggiose, ma la distribuzione dei beni è fortemente condizionata dalle contingenze naturali e sociali. Ci troviamo di fronte ad un sistema meritocratico puro. ƒ Sistema dell’eguaglianza liberale: nasce dall’incrocio tra il principio di efficienza e quello dell’equa eguaglianza delle opportunità. In questo caso si tenta di correggere il sistema della libertà naturale, aggiungendo al requisito delle carriere aperte ai talenti l’ulteriore principio dell’eguaglianza delle opportunità. Ci troviamo di fronte ad un sistema di eguaglianza delle opportunità corretta con merito, che premia la distribuzione naturale delle abilità e dei talenti. ƒ L’aristocrazia naturale: nasce dall’incrocio tra il principio di differenza e il principio di eguaglianza come carriere aperte ai talenti. In questo caso non si fa nessuno “sforzo per regolare le contingenze sociali al di là ciò che è richiesto dall’eguaglianza formale delle opportunità; i vantaggi delle persone dotate di maggiore talento naturale devono però essere ristretti a coloro che migliorano la situazione dei settori più poveri della società. […] L’idea di noblesse oblige viene ricondotta alla concezione dell’aristocrazia naturale” (ibidem, 77). L’interpretazione dell’eguaglianza democratica, che secondo Rawls è la più valida per la concezione della giustizia come equità, accetta che vi siano delle disuguaglianze all’interno della struttura fondamentale della società, “a condizione però che siano produttive , che servano cioè a migliorare la sorte dei meno favoriti” (Bottani, op. cit., 181).

Anteprima della Tesi di Nausica Iencenelli

Anteprima della tesi: Pratiche per l'equità nella scuola dell'autonomia: due casi di studio., Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Nausica Iencenelli Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3906 click dal 29/11/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.