Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modello giapponese e produzione snella: sviluppi ed applicazioni nell'industria automobilistica occidentale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 Introduzione Il presente lavoro si propone di analizzare l’impatto che il modello giapponese di organizzazione industriale, realizzato alla Toyota, ha avuto sull’industria dell’auto Occidentale negli ultimi trent’anni. A tal fine il lavoro è stato strutturato in due parti. Nella Prima Parte, dopo aver descritto le caratteristiche generali del modello giapponese e dell’ohnismo in particolare, si analizza il modo con cui la sociologia occidentale si è confrontata con il nuovo e rivoluzionario modo di organizzare la produzione che aveva reso famosa (e competitiva) la Toyota: modalità metodologiche di approccio, categorie interpretative, terminologia, prospettive, valutazioni e ipotesi per un’eventuale applicazione di questo modello organizzativo nelle fabbriche occidentali (Capitolo 1). Nel Secondo Capitolo si affrontano più nel dettaglio le recenti esperienze di giapponesizzazione e i tentativi di applicazione (anche parziali) di tecniche e pratiche emulate dal toyotismo nell’ambito di quattro delle più grandi realtà industriali mondiali: gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, la Francia e la Germania. Per ognuno di questi paesi si analizzano le difficoltà ed i problemi che questi tentativi hanno riscontrato confrontandosi con il proprio specifico contesto socio-culturale e la propria tradizione di relazioni industriali, facendo riferimento agli studi di sociologi e ricercatori propri di ogni nazione. Questa parte si conclude con un paragrafo che riassume e raffronta, in un’ottica comparativa, i risultati che la sociologia di ciascun paese ha ottenuto esaminando questi processi di riorganizzazione industriale sviluppatosi sulla falsariga della produzione snella e della qualità totale. La Seconda Parte è invece interamente dedicata all’analisi del caso italiano: come oggetto di studio è stata scelta la FIAT, con esclusivo riferimento al settore automobilistico. Viene

Anteprima della Tesi di Francesco Scardicchio

Anteprima della tesi: Modello giapponese e produzione snella: sviluppi ed applicazioni nell'industria automobilistica occidentale, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Scardicchio Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17598 click dal 30/11/2004.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.