Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modello giapponese e produzione snella: sviluppi ed applicazioni nell'industria automobilistica occidentale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Al contrario di quella europea infatti, la cultura giapponese loderebbe ed esalterebbe questa spirale di sforzi crescenti che provocano un aumento nei carichi di lavoro. Comune a tutti questi autori è conclusione che il modello giapponese sia totalmente incompatibile con il sistema europeo di relazioni industriali, ed è pertanto da rifiutare in blocco, operando affinchè anche i lavoratori giapponesi comincino a contestarlo. La critica principale che si può muovere agli autori che Bonazzi ha racchiuso sotto la definizione di oppositori è che le loro analisi non consentono di distinguere tra il JIT astrattamente inteso come un sistema produttivo puro e l’applicazione parossistica che di esso se ne fa in Giappone. La terza categoria, definita dei “problematici” è sicuramente la più interessante. Essi infatti sottolineano le ambivalenze del modello giapponese, e partendo da queste sostengono la possibilità di un suo adattamento al contesto occidentale attenuandone gli effetti più gravosi. Argomentando dall’estrema intrinseca fragilità del sistema JIT e dalla conseguente necessità di un forte coinvolgimento dei lavoratori per garantirne il regolare funzionamento, essi sostengono essere nell’interesse vitale dell’azienda il raggiungimento di un quadro di relazioni industriali capace di garantire il consenso attivo e la dedizione responsabile dei dipendenti, obiettivo che in Giappone sarebbe stato raggiunto attraverso l’impiego a vita e l’integrazione in un sistema totale (Kenney e Florida 1988, Oliver e Wilkinson 1988). Di conseguenza prevedono l’apertura di una stagione di contrattazioni tra management e direzione per adattare il JIT all’ambiente sociale (Zipkin, 1991): tale previsione è teoricamente importante, perché permette di contestare le posizioni apocalittiche che non distinguono tra JIT ed applicazione giapponese dello stesso.

Anteprima della Tesi di Francesco Scardicchio

Anteprima della tesi: Modello giapponese e produzione snella: sviluppi ed applicazioni nell'industria automobilistica occidentale, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Scardicchio Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17598 click dal 30/11/2004.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.