Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La concentrazione nel settore dell'industria discografica: le majors e la loro presenza sul mercato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 1.1.2. L’Europa importa tecnologie e sistemi di produzione: l’avvio dell’industria discografica nel Vecchio Continente Emile Berliner fin dal 1897 iniziò ad interessarsi al mercato europeo 6 per creare un’alternativa alle possibilità di gestire un’attività di produzione del grammofono in America, ormai compromesse dalle predette questioni giudiziarie. Spedì quindi i suoi diritti di brevetto a Londra e nel 1898 conferì alla nuova Gramophone Company la licenza esclusiva di produrre grammofoni e dischi in Europa. Affidò inoltre al fratello Joseph la costituzione di una filiale per la fabbricazione dei supporti ad Hannover: nacque così la Deutsche Grammophon. In un contesto politico-economico caratterizzato dal fiorire del colonialismo le nuove compagnie così costituite nel Vecchio e nel Nuovo Continente non tardarono a proiettare la loro azione a livello mondiale. La Victor e la Gramophone Company in particolare raggiunsero un accordo per il quale alla prima competevano i mercati nord e sud americani e l’Asia orientale, mentre alla seconda restava il resto del continente asiatico, l’Africa, l’Australia e l’Europa; inoltre l’una poteva godere dello scambio e della pubblicazione nel proprio paese delle registrazioni dell’altra 7 . L’organizzazione dell’attività discografica era molto primitiva e spesso una sola figura all’interno di un’azienda curava operativamente la produzione e la registrazione di un’opera. Tuttavia la fase successiva, la fabbricazione delle copie dei dischi, grazie ai già citati sistemi di duplicazione, poté rapidamente avviare una crescita esponenziale della produzione che non ebbe battute d’arresto fino agli anni ’30. Nella seconda decade del XX secolo il mercato mondiale registrava già vendite pari a 50 milioni di dischi all’anno. 6 M.Calzini (1991), pag.54-56 7 P.Gronow – I.Saunio (1998), pag. 10

Anteprima della Tesi di Enrico Ladisa

Anteprima della tesi: La concentrazione nel settore dell'industria discografica: le majors e la loro presenza sul mercato, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Enrico Ladisa Contatta »

Composta da 228 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8972 click dal 30/11/2004.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.