Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Martin Heidegger e il problema dell'opera d'arte: la questione ermeneutica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 tentativo di risalire alla sorgente nascosta di tutte le possibilità concesse all’ente nel suo manifestarsi. La Kehre, dunque, come cammino del pensiero è ciò che inerisce alla Seinsfrage. Il pensiero può procedere a ritroso avanzando in questo cammino solo perché, considerando l’ente come ciò che sta dinnanzi, lo raccoglie nel suo essere. E’ l’essere che permette questo raccoglimento. Permettere qui vuol dire donare al pensiero la possibilità che qualcosa appaia, s’illumini in questo raccoglimento. Solo il semplice donare dell’essere dà la cosa stessa del pensiero. Ciò che più conta non è la raccolta di questo raccoglimento, ma il suo stesso raccogliersi. Il senso della Kehre di Heidegger è proprio il movimento che retrocede dall’esser manifesto dell’essente in direzione della manifestatività come tale, e che, a sua volta, resta celata nell’esser manifesto proprio dell’essente. Ma quando Heidegger dice, nel passo più volte indicato, che il percorrere a ritroso consente di avanzare, vuole evidenziare che questo retrocedere comporta la “pro-duzione” di una distanza da ciò che anzitutto vuole avvicinare. Questo farsi distanza è un allontanamento che consente il libero approssimarsi di ciò che è da pensare. Ciò che la Kehre come passo indietro persegue è il pensare il movimento dell’essere che si cela illuminando l’ente. E solo in questo modo la Kehre consente la vicinanza del pensiero all’essere. Ma la prossimità di pensiero e essere accade solo se il pensiero si trasforma. Tale tras-formazione richiede un superamento del pensiero metafisico, che in tutta la sua tradizione ha interrogato l’essere come l’essere dell’ente, e non l’essere come tale. «La trasformazione che è richiesta al pensiero è un lottare portato sempre più avanti per rivedere la propria impostazione, affinché il pensiero divenga libero per l’esperienza della verità dell’essere stesso» 7 . 7 Ivi, p. 191.

Anteprima della Tesi di Francesco Cardone

Anteprima della tesi: Martin Heidegger e il problema dell'opera d'arte: la questione ermeneutica, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Cardone Contatta »

Composta da 346 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6619 click dal 30/11/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.