Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aumentare il capitale relazionale dell'impresa attraverso le nuove tecnologie dell'information and comunication tecnologi ICT

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 oggetti. Dal punto di vista “linguistico” allora l’ipertesto si avvale di due strumenti grammaticali: i nodi e i link. Il nodo è un’unità di informazione, a senso compiuto e proveniente anche da media diversi. Questo viene archiviato in un database. I nodi sono gerarchicamente organizzati, e secondo il livello di definizione dell’informazione si possono dividere in vari livelli. ξ Basi dati e informativa generali: sono nodi che non rispondono alla gerarchia, i primi sono dati comuni a tutto l’ipertesto e a cui ogni nodo può fare riferimento (bibliografie, glossario, indici…) i secondi sono crediti sponsor, editore. ξ Terminali: nodi che sono concetti definiti e completi. ξ Intermedi: nodi che raggruppano costellazioni di nodi generalmente terminali. ξ Primo Livello: è uno solo e generalmente è solo un teso – titolo come per esempio la home page. Tutti tranne i primi fanno parte di un territorio d’informazioni, di un tema che viene sviluppato fino ad un determinato livello di profondità. Il grado di profondità è la definizione della risoluzione dei nodi terminali che si effettua per evitare lo smarrimento nella lettura. Ecco che per eventuali approfondimenti si utilizza un puntatore esterno verso nodi non appartenenti al medesimo ipertesto, per evitare il “fuori testo” data la proprietà frattale dell’ipertesto. 18 Il link dall’inglese “legame” è un operatore logico in quanto somma due parti. L’operazione booleana “and” che pone in relazione due nodi genera conoscenza, poiché produce valore aggiunto a seguito di un’associazione tra più concetti separati. Il link viene evidenziato da una “hot word” (o “ancora”) ed attraverso esso ci si muove nello spazio virtuale della rete. 18 Ogni nodo può essere oggetto di ulteriore approfondimento e il meccanismo puù continuare indefinitamente frammentando sempre di più l’informazione.Lèvy parla appunto di “molteplicità e inscatolamento delle scale”

Anteprima della Tesi di Fabrizia Corsi

Anteprima della tesi: Aumentare il capitale relazionale dell'impresa attraverso le nuove tecnologie dell'information and comunication tecnologi ICT, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Fabrizia Corsi Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2946 click dal 02/12/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.