Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I mercati virtuali e il caso '' east2italy.com ''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 I I MERCATI VIRTUALI Il commercio elettronico è costituito dall’insieme delle operazioni che coinvolgono imprese e individui, indipendentemente dal fatto che essi condividano o meno la stessa realtà spaziale. Tali operazioni mirano allo scambio di beni materiali o immateriali cui è assegnato un valore e si svolgono attraverso un'infrastruttura informatica o una rete di telecomunicazione. Le motivazioni che spingono tali imprese e individui a scelte di commercio elettronico sono molteplici. La principale è che la rete funge da canale di vendita, permettendo l’individuazione e la valutazione dei prodotti di interesse e la conclusione della transazione economica. Non meno rilevanti sono comunque gli effetti in termini di acquisto di visibilità e di efficacia comunicativa verso i terzi che implica una maggiore reattività di risposta, nonché un incremento della qualità del servizio al cliente; questo è l’ambito di studio del cosiddetto Internet Marketing. La rete permette poi di ridefinire i problemi aziendali, offrendo un supporto integrativo e aumentando i vantaggi in termini di efficienza e di riduzione dei costi. Distinguiamo diverse modalità di relazione, che si definiscono a seconda degli operatori economici che interagiscono l’uno con l’altro. La forma più conosciuta è sicuramente il Business to Consumer (B2C). L’azienda si rivolge direttamente all'utente finale per la vendita di beni e servizi. I prodotti sono offerti a tutti i clienti della rete, gli importi delle transazioni sono generalmente contenuti e, sempre di più, i pagamenti vengono effettuati direttamente on-line. Una sua forma particolare è il C2B (Consumer to Business) in cui è il consumatore a proporre il prezzo per il prodotto a cui è interessato, provocando così l'offerta delle diverse imprese venditrici coinvolte nel servizio. Tra le formule più recenti c’è il Consumer to Consumer (C2C), che si è sviluppato grazie alla forte richiesta delle aste on-line. Il sito d'asta eroga e amministra l'ambiente in cui gli utenti interagiscono, scambiando tra loro prodotti, a importi generalmente contenuti. Il Business to Business (B2B), su cui focalizzeremo la nostra attenzione, riguarda le transazioni commerciali on-line tra imprese. Caratteristica fondamentale di questa modalità di e-commerce è l'uso, da parte di alcune, del lavoro di altre aziende, per trasformare i propri prodotti, beni o servizi. L'utente finale, il destinatario del prodotto, in questo caso non viene direttamente considerato. È necessaria una stretta integrazione tra la gestione produttiva e

Anteprima della Tesi di Desiree Piovesan

Anteprima della tesi: I mercati virtuali e il caso '' east2italy.com '', Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Desiree Piovesan Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1116 click dal 01/12/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.