Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Elementi postcoloniali e postmoderni nell'opera di Salman Rushdie e Hanif Kureishi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 questa opera postcoloniale per il tema trattato, un testo fondamentale per la letteratura postmoderna. Per quanto riguarda i testi di Kureishi, i personaggi che li popolano vivono nella tipica condizione postcoloniale, in cui le differenze, le divergenze e le opposizioni permangono. Sia Karim sia Shahid si trovano in una sorta di limbo, neither here nor there, inizialmente rigettati da entrambe le culture; tuttavia mentre il primo si riappropria delle tradizioni native, il secondo decide di non appartenere esclusivamente ad un solo mondo (orientale o occidentale), semmai li sceglie entrambi. Si concretizza così l’ideale postcoloniale che vuole un mondo in cui non ci siano più barriere etniche e sociali e vengano eliminati gli stereotipi che oppongono i colonizzati ai colonizzatori. Karim da inglese born and bred arriva a conoscere il suo paese di origine e le sue usanze; Shahid, alla fine, non sceglie il fondamentalismo islamico e la sua violenza, ma comprende anche i mali della civiltà occidentale, incarnati dalla professoressa libertina Deedee Osgood. In fondo al cuore di Shahid c’è un desiderio di appartenenza sia al mondo islamico, dal quale cerca di farsi accettare, sia a quello inglese, cui aspira a diventarne un componente. Il protagonista riesce a far convivere senza timore le due metà, sebbene questa armonia giunga al termine di un percorso formativo lungo e travagliato. Allo stesso modo si risolve la vicenda in The Satanic Verses. Nonostante la morte di Gibreel, Saladin ritorna in India, cambiato dall’esperienza dell’Inghilterra. All’inizio cerca di fuggire dalla sua patria e rinnegare le sue origini, comportandosi come un mimic man: dimentica la sua lingua per adottare l’inglese, odia il padre nel quale vede la tradizione e la cultura indiane e con i suoi compatrioti si comporta da superiore. Alla fine del soggiorno inglese, pieno di vicende e vicissitudini, vigliaccherie e umiliazioni, egli capisce che la cosa migliore è tornare a casa, dove ricominciare una nuova vita, da uomo nuovo. In India e nella sua anima ritrova l’armonia tra est e ovest, tra oriente ed occidente.

Anteprima della Tesi di Elisa Congiu

Anteprima della tesi: Elementi postcoloniali e postmoderni nell'opera di Salman Rushdie e Hanif Kureishi, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Elisa Congiu Contatta »

Composta da 218 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6299 click dal 03/12/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.