Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Elementi postcoloniali e postmoderni nell'opera di Salman Rushdie e Hanif Kureishi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Le vicende si svolgono in parte nella periferia londinese, vista come luogo liminale, soglia esistenziale e spazio reale di emarginazione. In questo teatro agiscono i protagonisti del romanzo, la cui doppia etnia, inglese e/o indo-pakistana, dona loro un senso di noia e irrequietezza. I personaggi di Haroon e Anwar, immigrati di prima generazione, suggeriscono che chi proviene dall’India e/o dal Pakistan può serbare dentro di sé vive memorie, e ricostruire nella mente un intero paese, più o meno reale, ma è il nuovo paese, in questo caso la Gran Bretagna, nel quale vive lo spazio non metaforico al quale è legato 12 . Con questo romanzo lo scrittore anglo-pakistano indaga con ironia ed irriverenza i rapporti razziali nella Londra contemporanea. La realtà inglese, ormai irrimediabilmente multietnica, deve ridefinire il proprio concetto di Englishness. In The Black Album l’autore riprende lo scontro culturale tra inglesi e asiatici, constatando amaramente e allo stesso tempo ironicamente, che la comunità asiatica, in particolare quella dei giovani, non sentendosi ‘a casa’ e parte della società inglese che la ospita, è disposta a rinunciare a tutti i piaceri della civiltà occidentale per rifugiarsi nel fondamentalismo islamico, il quale offre un senso di appartenenza. La scelta di parlare di queste opere proviene dalla curiosità suscitata in me da un corso universitario tenuto da alcuni docenti di Letteratura Inglese presso la Facoltà di Lingue Straniere di Bologna che aveva come tema principale le letterature postcoloniali e postmoderne e che invitava alla lettura di The Black Album di Kureishi; dal clamore suscitato dal libro di Rushdie The Satanic Verses. Inoltre la situazione internazionale che ha seguito agli attentati dell’11 Settembre 2001 anziché obbligarci a rivalutare il rapporto oriente/occidente e a migliorarne le relazioni, ha approfondito le divergenze tra questi due mondi, confinando l’oriente ad un problema da risolvere e contro cui combattere. 12 Cfr. Stefano Manferlotti, Dopo l’Impero. Romanzo ed etnia in Gran Bretagna, Napoli, Liguori Editore, 1995.

Anteprima della Tesi di Elisa Congiu

Anteprima della tesi: Elementi postcoloniali e postmoderni nell'opera di Salman Rushdie e Hanif Kureishi, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Elisa Congiu Contatta »

Composta da 218 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6299 click dal 03/12/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.