Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Adattamenti all'ambiente peritidale di alcune specie malesi dei generi Periophthalmus, Periophthalmodon e Boleophthalmus (Pisces, Gobiidae, Oxudercinae, Periophthalmini): ricerche ecologiche e messa a punto di un apparato per l'allevamento in condizioni semi-naturali.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

 5 barriere ecologiche più nette e difficilmente penetrabili: quella fra ambiente acquatico ed ambiente terrestre. Un continuum di adattamenti alla vita anfibia si riscontra nelle specie di oxudercini osservate e in altre affini a livello inter- ed intragenerico. L’ampia gamma di adattamenti alla vita anfibia va da quelli meno spinti delle specie che vivono sempre parzialmente immerse, a quelli estremi, che consentono ad alcune di vivere persino lì dove la lama d’acqua non ricopre il suolo che pochi giorni l’anno. Al vivo interesse che queste specie hanno suscitato in alcuni campi, quali la fisiologia della respirazione, dell’osmoregolazione e dell’escrezione (con alcune importanti applicazioni biomediche: Graham J.B. 1997), si contrappone una notevole ignoranza della loro biologia evolutiva, ecologia ed etologia. Queste discipline tuttavia dovrebbero riscontrare un considerevole interesse teorico in queste specie. In futuro infatti, la maggiore comprensione della filogenesi e dei rapporti di parentela che apporterebbero approfonditi studi morfologici e molecolari (Polgar et al. in prep.), permetterebbe una comparazione in campo eco-etologico ed eco-fisiologico attraverso la quale interpretare in queste specie convergenze, omologie e adattamenti verso un grado sempre maggiore di terrestrialità. Ma tale importanza teorica potrebbe rivelarsi ben maggiore, qualora tale ricostruzione contribuisse ad interpretare i meccanismi eco-evolutivi alla base della transizione degli antenati dei tetrapodi dal mare verso la terraferma (Par. 3.3.). Passaggio cruciale nella storia evolutiva di un importante gruppo di cui, fatto non irrilevante, facciamo parte. Il patrimonio naturalistico e scientifico che queste specie costituiscono è oggi minacciato dalla forzata espansione economica e demografica, esasperata dai recenti fenomeni di economia globale, di quei paesi (o di quelli che ne sfruttano il territorio), che ne sono i custodi: Niger, Iran, India, Malaysia, Indonesia, Filippine, Cina, per citarne alcuni. Gli oxudercini fanno parte di complesse e ricche biocenosi che vivono nelle formazioni a mangrovie e sulle piattaforme di fango, ecosistemi su cui la pressione antropica è intensamente esercitata da terra e da mare. I danni che questa distruzione progressiva ha provocato e sta provocando non sono solo culturali ed ecologici, ma economici e sociali: a lungo come a breve termine (Par. 3.1.1.). Uno dei due obiettivi di questo studio è di contribuire allo sviluppo della conoscenza dell’eco- etologia e dell’ecologia evolutiva di diverse specie di mudskippers. La descrizione della distribuzione

Anteprima della Tesi di Gianluca Polgar

Anteprima della tesi: Adattamenti all'ambiente peritidale di alcune specie malesi dei generi Periophthalmus, Periophthalmodon e Boleophthalmus (Pisces, Gobiidae, Oxudercinae, Periophthalmini): ricerche ecologiche e messa a punto di un apparato per l'allevamento in condizioni semi-naturali., Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Gianluca Polgar Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1707 click dal 07/12/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.